Negli investimenti l’intelligenza umana va aumentata, non sostituita

1' di lettura

Columbia Threadneedle Investments mette l’intelligenza artificiale al servizio dei gestori per aumentarne la capacità di analisi di dati non strutturati e trovare ricorrenze

In un mondo dove le informazioni sono istantanee e le comunicazioni aziendali regolamentate, è raro ottenere un vantaggio negli investimenti scoprendo qualcosa prima del mercato. Ma l’enorme aumento del volume di dati e della potenza di calcolo permettono di acquisire un vantaggio tramite un’interpretazione più rapida e accurata delle informazioni. Estrapolando informazioni puntuali e ricorrenti si può acquisire una migliore comprensione di trend come l’evoluzione del sentiment nei confronti di un titolo o dei comportanti di consumo, attraverso diverse forme di analisi dei dati. Le più avanzate sono l’apprendimento cognitivo e la soluzione dei problemi con l’intelligenza artificiale.

GESTIONE ATTIVA DEL PROPRIO DNA

Alessandro Aspesi, Country Head Italia di Columbia Threadneedle Investments, spiega che, con la gestione attiva nel proprio DNA, la casa d’investimento adotta uno specifico approccio, mettendo la potenza di calcolo nelle mani dei suoi gestori per consentire loro di analizzare dati non strutturati e acquisire una migliore comprensione delle vicende di un’azienda. Quasi tre anni fa, Columbia Threadneedle Investments ha creato un team di scienza dei dati dedicato non solo a raccogliere dati in modo più efficiente, ma anche ad estrarre nuove conoscenze. L’intelligenza Artificiale è solo uno dei tanti strumenti nell’arsenale, ma uno molto potente per trovare schemi ricorrenti e anomalie…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.