Cramer prevede ribasso per i titoli tech di Cathie Wood

Sentiamo l’opinione del conduttore del programma ‘Mad Money’, in onda sulla CNBC

Cramer prevede ribasso per i titoli tech di Cathie Wood
2' di lettura

Jim Cramer, conduttore di ‘Mad Money’ della CNBC, martedì ha dichiarato che l’aumento dell’inflazione sta mettendo a dura prova i titoli tech, e che gli investimenti ad alto contenuto tecnologico come quelli di Ark Investment Management LLC (società guidata da Cathie Wood) potrebbero registrare ulteriori sofferenze nel prossimo futuro.

Cramer ha spiegato che gli investitori in titoli tecnologici devono prepararsi a ulteriori sofferenze oppure a ridurre le perdite durante il prossimo brusco movimento al rialzo, poiché i titoli growth che hanno messo il turbo subiranno un duro colpo nell’attuale contesto inflazionistico in cui anche i rendimenti obbligazionari sono in aumento, rendendo a loro volta i futuri utili dei titoli meno attraenti.

L’ex gestore di hedge fund ha osservato che alcuni dei titoli tech che nel mese di maggio hanno già registrato un calo a doppia cifra, costituiscono le posizioni più importanti in tre degli ETF di Cathie Wood, come l’Ark Innovation ETF (NYSE:ARKK), l’Ark Genomic Revolution ETF (BATS:ARKG) e l’Ark Fintech Innovation ETF (NYSE:ARKF).

Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), Teladoc Health Inc (NYSE:TDOC), Square Inc (NYSE:SQ), Roku Inc (NASDAQ:ROKU), Shopify Inc (NYSE:SHOP) e Twilio Inc (NYSE:TWLO), fra gli altri, sono alcuni dei suoi principali investimenti in questi ETF.

“Ciò che ha funzionato nel 2020 non sta funzionando nel 2021 e questo non cambierà, quindi abituatevi”, ha detto Cramer, sottolineando che la Wood è “fantastica nell’individuare” titoli con potenziale nel lungo periodo, ma che non vanno bene per tutte le stagioni.

Mercoledì le azioni di ARKK hanno chiuso in rosso del 3,73% a 102,16 dollari e da inizio anno hanno perso il 18%; le azioni di ARKG hanno chiuso con un -2,52% a 74,99 dollari e da inizio anno sono in calo del 19,5%; le azioni di ARKF hanno chiuso con una flessione del 3,96% a 45,85 dollari e da inizio anno hanno ceduto il 7,76%.

Nessun Articolo da visualizzare