J.P. Morgan: ecco perché la domanda di corporate bond resta forte

1' di lettura

Il team Global Fixed Income, Currency and Commodities Group di J.P. Morgan Asset Management spiega che il credito investment grade è sostenuta da fondamentali solidi ma le valutazioni elevate sono un rischio

Con gli spread delle obbligazioni investment grade prossimi ai minimi storici, la domanda continua a essere forte in questo segmento del mercato del debito perché è sostenuta da forti fattori fondamentali e tecnici. I profitti aziendali infatti continuano a crescere sulla scia della narrativa di una forte crescita, guidata dal successo dei vaccini e dal supporto monetario e fiscale, con la richiesta degli investitori aumentata a livello globale, con forti afflussi al dettaglio e istituzionali. Ma, con spread vicini ai minimi storici, gli investitori dovrebbero anche essere cauti, perché il vento contrario delle valutazioni elevate potrebbe offuscare il solido contesto tecnico e fondamentale.

PROPENSIONE PER RENDIMENTI ELEVATI

Sono le indicazioni per l’investitore del Bond Bulletin settimanale a cura dal team Global Fixed Income, Currency and Commodities Group di J.P. Morgan Asset Management, che ribadisce anche la propensione per rendimenti più elevati della grande casa d’investimento. Tra i fondamentali favorevoli all’investment grade il Bond Bullettin cita coefficienti medi di leva finanziaria che hanno continuato a ridursi, aspettative aumentate di crescita degli utili per azione e la mutata composizione del mercato in quanto i fallen angel sono già usciti dal mercato…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.