Pre-market: futures USA contrastati, attesa utili, Powell

Un’occhiata ai mercati; si attendono le trimestrali di Bank of America, Citigroup, Wells Fargo e l’intervento di Jerome Powell

Sedute USA
4' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi risultavano contrastati dopo che nella sessione precedente l’indice Dow Jones ha ceduto oltre 100 punti. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell interverrà al Congresso USA alle ore 12:00 ET. Gli investitori sono in attesa dei risultati degli utili da Bank of America Corp (NYSE:BAC), Citigroup Inc (NYSE:C) e Wells Fargo & Co (NYSE:WFC).

L’indice dei prezzi alla produzione negli Stati Uniti per il mese di giugno sarà pubblicato alle ore 8:30 ET; i prezzi alla produzione hanno osservato un’accelerazione, fra cui un aumento dello 0,8% a maggio; per giugno, tuttavia, gli analisti prevedono un aumento dei prezzi dello 0,5%. Il presidente della Federal Reserve di Minneapolis, Neel Kashkari, prenderà la parola alle 13:30 ET. Il Federal Open Market Committee (FOMC) pubblicherà il suo ultimo rapporto Beige Book alle 14:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones erano in calo di 22 punti, attestandosi a 34.754, quelli sull’S&P 500 salivano di 0,75 punti a quota 4.362 e i futures sul Nasdaq 100 guadagnavano 46 punti, a 14.911.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 33.914.880 contagi e circa 607.770 vittime; intanto l’India ha registrato un totale di almeno 30.907.280 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha confermato oltre 19.151.990 casi.

I prezzi del petrolio sono scesi, coi futures sul Brent in calo dello 0,6% a 76,02 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un ribasso dello 0,7% a 74,74 dollari al barile. Nella settimana terminata l’8 luglio le scorte di greggio degli Stati Uniti sono diminuite di 4,1 milioni di barili, come comunicato dall’American Petroleum Institute. Il report settimanale dell’Energy Information Administration sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti verrà pubblicato alle 10:30 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i listini europei hanno aperto la sessione in calo: l’indice spagnolo Ibex scendeva dello 0,6%, lo STOXX Europe 600 arretrava dello 0,3%, l’indice francese CAC 40 era in ribasso dello 0,2%, il FTSE 100 di Londra era in rosso dello 0,4% e l’indice tedesco DAX 30 faceva segnare -0,2%. A maggio la produzione industriale dell’Eurozona è scesa dell’1%, registrando il primo calo in tre mesi. A giugno i prezzi al consumo in Spagna sono cresciuti del 2,7% annuo. Sempre a giugno, i prezzi alla produzione del Regno Unito hanno avuto un aumento del 4,3% su base annua e il tasso di inflazione annuale nel Paese è salito al 2,5% dal 2,1% di maggio.

I mercati asiatici hanno terminato la sessione misti: l’indice giapponese Nikkei ha ceduto lo 0,38%, l’Hang Seng di Hong Kong ha avuto un ribasso dello 0,67%, il cinese Shanghai Composite è sceso dell’1,07%. L’indice australiano S&P/ASX 200 è salito dello 0,3% e l’indiano BSE Sensex ha fatto segnare +0,2%. A giugno il surplus commerciale della Cina è cresciuto a 51,53 miliardi di dollari dai 44,8 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso. A maggio la produzione industriale in Giappone ha avuto una flessione del 6,5% dopo un dato finale del +2,9% nel mese precedente. Nel primo semestre dell’anno gli investimenti diretti esteri in Cina hanno avuto un’impennata del 28,7% su base annua a 607,84 miliardi di yuan. A luglio l’indice Westpac-Melbourne Institute sulla fiducia dei consumatori australiani è salito a quota 108,8. A giugno i prezzi all’ingrosso in India hanno fatto segnare un +12,07% su base annua.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di JP Morgan hanno alzato il rating di Nokia Corporation (NYSE:NOK) da Neutral a Overweight e hanno annunciato un target price di 7,8 dollari.

In pre-market le azioni Nokia erano in aumento dello 0,2% a 5,89 dollari.

Ultime notizie

  • Per le nove settimane terminate il 3 luglio 2021, L Brands Inc (NYSE:LB) ha registrato vendite pari a 2,351 miliardi di dollari, rispetto agli 1,369 miliardi riportati nello stesso periodo dell’anno precedente; la società, inoltre, ha migliorato la guidance per il secondo trimestre da 0,80-1 dollari a 1,20-1,30 dollari. L Brands ha segnalato l’inizio di un’offerta pubblica secondaria sottoscritta da 20.041.646 azioni ordinarie e ha annunciato il riacquisto delle proprie azioni ordinarie.
  • Quest’anno Apple Inc (NASDAQ:AAPL) mira a spedire 90 milioni di iPhone di nuova generazione, un aumento del 20% rispetto all’anno scorso, poiché la società prevede un incremento della domanda dopo il lancio dei vaccini contro il Covid-19, ha riferito Bloomberg.
  • Secondo quanto riportato martedì da Bloomberg, Netflix Inc (NASDAQ:NFLX) ha ordinato tre stagioni di un nuovo programma televisivo per bambini chiamato CoComelon Lane, un popolare canale sulla piattaforma di streaming video YouTube (consociata di Alphabet).
  • IMARA Inc. (NASDAQ:IMRA) ha riportato un’offerta di azioni ordinarie da 50 milioni di dollari.