Fornitore Apple TSMC: impianto europeo di chip in Germania?

L’azienda taiwanese valuta la possibilità di costruire uno stabilimento per la produzione dei semiconduttori nel Vecchio Continente

Fornitore Apple TSMC: impianto europeo di chip in Germania?
2' di lettura

Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (NYSE:TSM), fornitore di chip per Apple Inc (NASDAQ:AAPL), lunedì ha dichiarato di essere in trattative di fase iniziale per la realizzazione della sua prima fabbrica di semiconduttori in Europa, come riporta Reuters.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

L’azienda di semiconduttori con sede a Taiwan ha affermato che è troppo presto per dire se verranno costruiti degli impianti in Germania visto che i colloqui sono alle prime fasi.

Oltre che con TSMC, la Commissione Europea ha intrattenuto colloqui con una delle sue principali rivali, Intel Corp (NASDAQ:INTC), dato che l’Europa cerca di stimolare la produzione di chip e di proteggersi dalla crisi globale dei semiconduttori.

“Attualmente stiamo facendo delle serie valutazioni sulla Germania, ma siamo ancora alle primissime fasi”, ha dichiarato Mark Liu, presidente di TSMC, all’assemblea annuale degli azionisti della società – secondo Reuters.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Perché è importante

La taiwanese TSMC è il maggior produttore mondiale a contratto di semiconduttori; nel contesto dell’attuale carenza globale di chip, TSMC ha assunto un ruolo cruciale per trovare rapidamente una soluzione e assicurarsi che la carenza di semiconduttori indotta dalla pandemia (che ha costretto le case automobilistiche a tagliare la produzione e che ha danneggiato i produttori di smartphone, laptop e persino di elettrodomestici) non si ripeta.

A luglio TSMC ha indicato che presto potrebbe avere a disposizione la sua prima divisione di packaging dei chip al di fuori di Taiwan (negli Stati Uniti e in Giappone) per via dei timori legati all’eccessiva concentrazione della capacità produttiva dei semiconduttori nel suo Paese d’origine, che soddisfa la maggior parte del fabbisogno mondiale di chip e che è geograficamente vicino alla Cina, suo rivale politico.

Movimento dei prezzi

Venerdì le azioni TSMC hanno chiuso in aumento dello 0,2% a 116,79 dollari.

Foto gentilmente concessa da Tesla