Tesla, analista resta ribassista dopo utili 2° trimestre

Ecco l’analisi di Gordon Johnson, analista di GLJ Research, sul produttore di auto elettriche californiano

Tesla, analista resta ribassista dopo utili 2° trimestre
1' di lettura

Il rinvio delle batterie 4680 di Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) sta portando a ritardi per il Cybertruck e per il Semi, ha affermato martedì Gordon Johnson, analista di GLJ Research, al programma ‘Squawk Box’ in onda sulla CNBC.

Secondo Johnson, la ragione per cui il titolo Tesla scambia a una valutazione così alta è che gli investitori stanno anticipando l’introduzione della nuova batteria e della funzionalità Full Self-Driving, nonché una gamma di veicoli ampliata; tutte queste cose sono state rinviate, ha aggiunto l’esperto.

Tesla ha effettivamente affermato che la sua tecnologia di guida autonoma completa nemmeno esiste, afferma Johnson.

Sebbene i numeri del conto economico siano buoni, i “numeri del rendiconto finanziario sono molto discutibili”, ha osservato Johnson; quando una società riporta buoni risultati, gli investitori dovrebbero anche appurare che stia incrementando il proprio saldo di cassa, ha detto l’analista, aggiungendo che nel caso di Tesla la risposta è no.

Johnson ha un target price di 67 dollari per le azioni Tesla.

Utili Tesla

Tesla ha riportato utili trimestrali di 1,45 dollari per azione, superando la stima degli analisti di 0,96 dollari per azione; la società ha registrato un fatturato trimestrale di 11,96 miliardi di dollari, battendo anche in questo caso la stima di consenso che si attestava a 11,21 miliardi di dollari.

Movimento dei prezzi

Nelle ultime 52 settimane le azioni Tesla hanno scambiato fra un minimo di 273 dollari e un massimo di 900,40 dollari.

Martedì, all’ultimo controllo, il titolo era in ribasso del 2,5% a 640,67 dollari.

Foto gentilmente concessa da Tesla