AMC, i punti salienti dal report del secondo trimestre

Secondo l’amministratore delegato Adam Aron, si è trattato di un trimestre trasformativo ma la società non è ancora “fuori pericolo”

AMC, i punti salienti dal report del secondo trimestre
2' di lettura

Lunedì pomeriggio il maggior operatore di cinema degli Stati Uniti ha riportato gli utili del secondo trimestre.

Cosa è successo

I ricavi di AMC Entertainment Holdings (NYSE:AMC) sono stati di 444,7 milioni di dollari, superando la stima degli analisti che si attestava a 375,3 milioni.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La società ha riportato una perdita di 0,71 dollari per azione, un risultato migliore rispetto alle stime che prevedevano una perdita di 0,93 dollari per azione.

Il secondo trimestre ha visto un grosso aumento dei ricavi comparabili, poiché la maggior parte delle sedi è stata chiusa nel secondo trimestre dell’anno scorso durante la pandemia; il fatturato semestrale dell’azienda è di 593 milioni di dollari, in calo del 38% su base annua.

Oltre 22 milioni di spettatori hanno partecipato a un film o a un evento in una location AMC nel secondo trimestre.

“Fortunatamente per noi, quando i clienti sono tornati nei nostri cinema, non hanno badato a spese per le nostre offerte di cibo e bevande, che certamente costituiscono un’attività ad alto margine”, ha detto il CEO Adam Aron.

La compagnia ha chiuso il secondo trimestre con 593 sale nazionali aperte e 335 sedi internazionali aperte, cioè quasi il 100% delle sale completamente riaperte. AMC ha oltre 10.500 schermi in tutto il mondo da oltre 950 cinema.

Leggi anche: AMC, al top nelle tendenze 2° trim. fra Millennial e Gen Z

Cosa potrebbe succedere

AMC ha continuato a raccogliere fondi per sostenere la propria ripresa e l’attività post-pandemica. La società ha chiuso il trimestre con 1,8 miliardi di dollari in contanti e oltre 2 miliardi di dollari di liquidità considerando i contanti e le linee di credito rotative non utilizzate; si tratta di un importo doppio rispetto al precedente massimo raggiunto nella storia ultracentenaria dell’azienda in termini di liquidità.

“Crediamo che ciò possa dare ad AMC la tenacia finanziaria per navigare con coraggio nelle acque del coronavirus”, ha affermato Aron.

L’amministratore delegato ha avvertito che la pandemia non è finita e che la società “non è fuori pericolo” a livello di rischi.

Movimento dei prezzi

Lunedì le azioni AMC hanno chiuso in rialzo del 3% a 33,80 dollari.

Nella sessione after-hours le azioni sono balzate del 9,4% a 36,99 dollari.