Apple, operatori wireless sono una minaccia per l’iPhone?

Le vendite di iPhone arrivano alle stelle in un contesto di estrema competitività. La fine delle ostilità tra gestori potrebbe minacciare Apple?

Apple, operatori wireless sono una minaccia per l’iPhone?
3' di lettura

Secondo quanto riferito, le vendite di iPhone di Apple Inc (NASDAQ:AAPL) sono aumentate grazie alla crescente concorrenza tra operatori di telefonia mobile quali Verizon Communications Inc (NYSE:VZ), AT&T Inc (NYSE:T) e T-Mobile US Inc (NASDAQ:TMUS).

Cosa è successo

In vista del lancio del nuovo iPhone 13 previsto martedì, la concorrenza tra gestori rimane spietata, secondo un articolo pubblicato dal Wall Street Journal.

“Gli operatori combattono con le unghie e con i denti”, ha affermato Cliff Maldonado, principale analista di BayStreet Research, secondo il quotidiano. “Dico ai miei clienti che la situazione potrebbe anche peggiorare, dal momento che ogni gestore ha motivi per crescere”.
La “lotta” per la quota di mercato del 5G tra gli operatori wireless è “costosa” e si risolverà prima o poi, cosa che potrebbe minacciare le vendite di iPhone, ha osservato il Journal.

Il CEO di Apple, Tim Cook, è ottimista sul potenziale di crescita del 5G in quanto questa tecnologia sarebbe ancora agli inizi.

“Se guardiamo alla diffusione mondiale del 5G, solo un paio di paesi mostrano ancora una doppia cifra. È un risultato incredibile, se consideriamo che tutto è iniziato solo nove mesi fa”, ha detto Cook in occasione della conference call di luglio sugli utili del secondo trimestre.

L’AD di Apple aveva affermato all’inizio dell’anno che un contesto competitivo rappresenta un vantaggio per tutti. “Qualunque situazione che porti alla riduzione dei prezzi è un bene non solo per il cliente, ma anche per l’operatore che lo applica e per noi”.

Il CEO ritiene che la rivalità tra gestori sia destinata a continuare, il che rappresenterebbe una “vittoria su tutta la linea”, ha riferito il Journal.

Perché è importante

Apple è sulla buona strada per realizzare un record di 239 milioni di iPhone venduti nell’anno fiscale in corso che si concluderà a fine settembre, un aumento del 27% rispetto al 2020, rivelano i dati FactSet diffusi dal Journal.

Il quotidiano americano ha osservato che il gigante di Cupertino sta registrando un aumento del 12% del prezzo medio di vendita degli iPhone a 829 dollari, citando le stime degli analisti. 

Secondo quanto riferito, ciò indirizzerebbe Apple verso guadagni record di oltre 93 miliardi di dollari per il periodo di riferimento.

Nel frattempo, gli iPhone 12 e 12 Pro-Max, entrambi con compatibilità 5G, erano i modelli più popolari in Cina prima del lancio della nuova gamma, secondo l’analista di Morgan Stanley, Katy Huberty.

Huberty prevede una certa stabilità nelle spedizioni dopo il debutto del nuovo iPhone 13 questo autunno.

Nel mercato chiave cinese, le vendite sono cresciute del 58% a 14,76 miliardi di dollari nel trimestre conclusosi a giugno.

“La combinazione di cicli di sostituzione maturi, l’aumento dell’adozione del 5G, il ritorno di un’affluenza sostenuta nei punti vendita, una batteria con maggiore autonomia e la qualità della fotocamera” faranno aumentare le vendite di iPhone, contribuendo alla conquista di ulteriori quote, aveva già affermato l’analista. 

Movimento dei prezzi

Le azioni Apple hanno chiuso la sessione regolare di venerdì in ribasso di quasi il 3,3% a 148,97 dollari e nella sessione after-hours hanno ceduto lo 0,2%.