BlueBay: mercati verso il test di una Fed più restrittiva e Cina più accomodante

1' di lettura

Mark Dowding, CIO di BlueBay, sottolinea una curva dei tassi USA più ripida in vista della normalizzazione monetaria, mentre Pechino dovrebbe allentare ma mantiene un solido controllo anche con Evergrande

Negli USA è in arrivo il previsto tapering, mentre Biden arranca sia sul piano interno che su quello estero, con sullo sfondo un’economia americana ancora in buono stato e margine per superare le previsioni di crescita. L’inflazione nel 2022 dovrebbe mostrarsi più resistente di quanto preveda la Fed, infatti la curva dei rendimenti è diventata più ripida anticipando la normalizzazione della politica monetaria. Mark Dowding, CIO di BlueBay ritiene che nel quarto trimestre potremmo vedere ancora solidi dati di crescita e inflazione contestualmente all’inizio della riduzione degli acquisti della Fed, mentre vede invece una Cina avviata verso politiche più accomodanti, dopo che i guai di Evergrande sono improvvisamente diventati il centro dell’attenzione dei mercati.

RITRACCIAMENTO PILOTATO DEI PREZZI IMMOBILIARI

Dowding dice di avere “la tendenza a credere” che Pechino abbia voluto un ritracciamento dei prezzi degli immobili per consentire una maggior accessibilità alla casa, ma aggiunge che la Cina non vorrà vedere un crollo disordinato di Evergrande, ritenendo che Pechino mantenga un solido controllo dell’economia e dei prezzi degli asset, e che allenterà la politica come richiesto. Il settore delle costruzioni è destinato a rallentare, per favorire una maggior crescita di consumi e esportazioni e frenare progetti edili o attività speculative, ma è improbabile un brusco atterraggio…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.