Ethenea vede stabilizzazione della crescita globale

2' di lettura

Fase positiva per il dollaro grazie anche alla funzione di bene rifugio, il default di Evergrande, che poteva essere il ‘momento Lehman’ cinese, è stato già prezzato dai mercati e non lascerà grandi strascichi

Nonostante tutte le incognite legate ai tassi, all’inflazione e da ultimo al caso Evergrande in Cina, che però sono note e già prezzate dai mercati, per i prossimi mesi ci si può attendere una stabilizzazione dei dati sulla crescita, al momento ancora in calo. È la previsione di Michael Blümke, senior portfolio manager di Ethenea, che ricorda che esattamente alla fine di settembre di 40 anni fa, nel 1981, il rendimento del titolo Treasury decennale Usa era quasi al massimo storico del 16%. Da allora il reddito fisso continua a beneficiare del continuo calo dei tassi, e sebbene si sia spesso proclamata la fine del mercato rialzista, gli aumenti dei tassi si sono sempre dimostrati temporanei. Anche in queste settimane, sottolinea Blümke, si è nuovamente osservato un netto rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato, innescato da aspettative di inflazione e dall’attesa del tapering della Fed.

CONFERMATA LA FAMA NEGATIVA DI SETTEMBRE

A questo punto, sempre secondo Blümke, soltanto dati pessimi sull’occupazione potrebbero impedire l’annuncio, a novembre, di una riduzione dei programmi di acquisti della banca centrale americana. Da qui nasce, oltre che dalla maggiore probabilità di un rialzo dei tassi già l’anno prossimo, l’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato Usa su tutta la curva. Anche nel 2021 settembre ha confermato la sua fama negativa con correzioni di prezzo, e anche l’imminente default del gruppo immobiliare cinese Evergrande ha avuto un impatto negativo, facendo temere un “momento Lehman Brothers” della Cina…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.