Attesa per la Fed e taglio delle stime sul Pil globale mandano in rosso Wall Street

1' di lettura

L’Fmi ha rivisto al ribasso la crescita del Pil per il 2022, tagliando in particolare le previsioni su Cina e Usa. Prosegue il momento no dell’indice tecnologico Nasdaq

Il rimbalzo intraday di ieri aveva illuso i mercati, ma già i futures non facevano presagire nulla di buono per la seduta odierna di Wall Street. Anche oggi la Borsa Usa ha aperto con un sell-off che sta colpendo soprattutto i titoli tecnologici e non risparmia gli altri indici. Un andamento negativo che ha portato sotto la parità anche i mercati europei, che però hanno trovato la forza di recuperare prima della chiusura. Il Nasdaq perde poco meno del 3% mentre S&P 500 e Dow Jones sono in rosso rispettivamente dell’1,5% e dello 0,9%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

FED E VIX

L’attesa per l’esito della riunione della Fed, le tensioni al confine tra Russia e Ucraina e l’andamento della pandemia tengono in apprensione gli investitori. L’indice Vix, che misura la volatilità sui mercati, è tornato a superare i 33 punti dopo aver toccato, ieri, quota 38 prima di chiudere a 30 punti. È praticamente scontato che la Fed comincerà a marzo a rialzare i tassi. Domani in serata arriverà il comunicato conclusivo del meeting, che potrebbe annunciare anche più di tre rialzi nel corso del 2022 per contrastare l’aumento dell’inflazione…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.