LGIM: “Tassi in salita, le obbligazioni high yield sono una valida alternativa”

1' di lettura

Per Martin Reeves (LGIM) gli high yield, e soprattutto quelli che puntano ad una promozione nel rating a investment grade, resteranno attrattivi nonostante l’inflazione, grazie ad un miglioramento dei fondamentali creditizi

L’inflazione si conferma più persistente delle aspettative e continua a fare pressione sui tassi di interesse spingendoli al rialzo. A farne le spese i possessori di obbligazioni il cui prezzo si muove in direzione opposta ai rendimenti in misura tanto maggiore quanto è la duration, ovvero la scadenza media dei titoli in portafoglio.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

SCENARIO FAVOREVOLE ALLE AZIENDE

“La volatilità dei tassi d’interesse sta allontanando molti investitori dai prodotti obbligazionari di qualità più elevata. Tuttavia i titoli high yield dovrebbero continuare a rappresentare una valida alternativa”, commenta Martin Reeves, Head of Global High Yield di Legal & General Investment Management (LGIM). Il manager ammette che le preoccupazioni sulla crescita e sulla piena occupazione alimentano le paure del carovita. Ma, al tempo stesso, rappresentano lo scenario favorevole alle aziende per incrementare i ricavi, ridurre le aspettative di default e creano i presupposti per gli avanzamenti nel rating creditizio…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.