Alibaba e rivali tech estendono le perdite a Hong Kong

Alibaba in calo sulla notizia dell’emissione di nuove azioni negli Stati Uniti; pesano timori per restrizioni USA all'esportazione verso le società tech cinesi 

Alibaba e rivali tech estendono le perdite a Hong Kong
2' di lettura

Martedì le azioni delle società tecnologiche cinesi quotate negli Stati Uniti hanno chiuso in netto ribasso a Hong Kong, trascinando così l’indice Hang Seng in territorio negativo.

Titolo Movimento (+/-)
Alibaba Group Holding Limited (NYSE:BABA) -3%
JD.com, Inc. (NASDAQ:JD) -2%
Tencent Holdings Limited (OTC:TCEHY) -1,4%
Baidu Inc. (NASDAQ:BIDU) -0,9%
Xpeng Inc. (NYSE:XPEV) -0,8%
Li Auto Inc. (NASDAQ:LI) +1,7%

Perché si sta muovendo?

Le azioni Alibaba hanno esteso le perdite della sessione precedente a causa dei timori per il piano del colosso cinese dell’e-commerce di registrare nuove American Depositary Shares (ADS).



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La registrazione delle ADS suggerisce che alcuni insider — che si tratti dei dirigenti oppure di SoftBank Group Corp. (OTC:SFTBY), uno dei primi investitori nella società — potrebbero vendere le loro azioni Alibaba nel prossimo futuro; questo è stato quanto riferito Bloomberg, citando gli analisti di JPMorgan Chase & Co. (NYSE:JPM).

Leggi anche: Perché Peter Thiel sta uscendo dal CdA di Meta?

Anche i timori per le restrizioni all’export imposte dagli Stati Uniti alle società tech cinesi hanno gravato sul mercato.

Le azioni di WuXi Biologics Inc. sono crollate di quasi il 23% dopo che l’azienda biotecnologica è stata inclusa nella “lista non verificata” del Dipartimento del Commercio USA assieme ad altre 33 entità cinesi; infatti le società statunitensi che intendono effettuare esportazioni verso le entità presenti nella lista dovranno ottenere una licenza per farlo.

Al momento della pubblicazione, l’indice Hang Seng era in calo di quasi l’1%, poiché i dati hanno mostrato che nel mese di gennaio il settore privato di Hong Kong ha subito una contrazione dopo undici mesi di espansione a causa di una nuova ondata di infezioni da COVID-19.

A gennaio l’indice PMI di IHS Markit per Hong Kong è sceso a 48,9 da 50,8 di dicembre, portandosi così al di sotto della soglia di 50 punti che separa l’espansione dalla contrazione.

È probabile che Hong Kong imporrà regole di distanziamento sociale più rigorose dopo che lunedì il polo finanziario asiatico ha annunciato 614 nuove infezioni da coronavirus.

Nel corso della giornata di martedì il governo dovrebbe annunciare che gli incontri pubblici verranno limitati a due persone e che un nuovo “pass vaccinale” si estenderà ai centri commerciali, ha riferito il South China Morning Post.

Le azioni delle società cinesi, incluso il produttore di veicoli elettrici Nio Inc. (NYSE:NIO), lunedì hanno chiuso in rosso sui mercati USA dopo che i principali indici azionari statunitensi hanno terminato la sessione perlopiù in calo.