Gli esperti commentano l’inflazione stellare di maggio

Si tratta del dato sull’inflazione più elevato degli ultimi 40 anni; gli esperti parlano di una lettura “incredibilmente alta”. Ecco i loro commenti

Gli esperti commentano l’inflazione stellare di maggio
2' di lettura

Venerdì mattina l’SPDR S&P 500 ETF Trust SPY (NYSE:SPY) ha ceduto il 2% dopo che il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha riportato un aumento mensile dell’8,6% dell’indice dei prezzi al consumo (IPC), la lettura sull’inflazione mensile più alta dal 1981.

Cosa è successo

L’IPC complessivo è aumentato dell’8,6% a maggio, in rialzo dall’8,3% di aprile e superando il precedente massimo annuale dell’8,5% registrato a marzo; la lettura dell’IPC di maggio è stata ben al di sopra delle stime degli economisti dell’8,3%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’inflazione core, che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia, è salita del 6% a maggio, al di sopra delle stime degli economisti che indicavano un aumento del 5,9%.

Il Dipartimento del Lavoro ha affermato che le case, la benzina e il cibo sono stati i fattori che hanno maggiormente contribuito all’aumento dei prezzi.

I prezzi dei prodotti alimentari sono aumentati dell’1,2% su base mensile e del 10,1% rispetto a un anno fa; i prezzi dell’energia sono aumentati del 3,9% a maggio e del 34,6% negli ultimi 12 mesi; i prezzi delle auto usate sono aumentati dell’1,8% su base mensile e del 16,1% rispetto a un anno fa.

L’ultima lettura dell’IPC giunge dopo che il Dipartimento del Lavoro aveva riferito, all’inizio di questo mese, che i salari statunitensi sono cresciuti del 5,2% su base annua a maggio: purtroppo gli ultimi dati sull’inflazione suggeriscono che i prezzi stanno aumentando più velocemente dei salari per molti americani.

Le voci di Wall Street

Sean Bandazian, analista senior degli investimenti presso Cornerstone Wealth, ha affermato che la lettura dell’indice dei prezzi al consumo è “incredibilmente alta”.

“Quanto rimarranno alti questi numeri durante l’estate, prima delle riunioni autunnali del FOMC, è un fattore cruciale e probabilmente determinerà se vedremo un costante percorso di aumenti di 50 punti base e un atterraggio duro”, ha dichiarato Bandazian.

Nancy Davis, fondatrice di Quadratic Capital Management e gestore di portafoglio del Quadratic Interest Rate Volatility and Inflation Hedge Exchange-Traded Fund (NYSE:IVOL), ha affermato che la stagflazione sta diventando un rischio reale per l’economia statunitense.

“Chiaramente c’è un livello di tassi di interesse che spingerebbe l’inflazione all’obiettivo del 2% della Fed, ma ci sono seri dubbi su quanto tempo ci vorrà per tornare a quel livello di inflazione e quanto dolore dobbiamo sopportare per arrivarci”, ha dichiarato Davis.

Bill Adams, capo economista di Comerica Bank, ha affermato che l’inflazione rimane ostinatamente alta, mettendo la Federal Reserve in una situazione difficile.

“La persistenza di un’inflazione elevata a maggio rafforza l’argomento di ulteriori aumenti dei tassi di mezzo punto percentuale dopo luglio e indebolisce l’argomento di una pausa dei rialzi a settembre”, ha detto Adams.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.