I family office fanno leva sul private equity

I family office fanno leva sul private equity
1' di lettura

Un report globale di Ubs scatta la fotografia del settore che anche in Italia vuole aumentare gli investimenti diretti in fondi private equity

I family office guardano con sempre maggiore interesse verso il private equity, una forma di investimento che consente in modo particolare di convogliare risorse verso l’economia reale. I family office già per loro natura hanno già una vocazione per il settore produttivo reale. Nascono infatti per tutelare i patrimoni personali degli ultra-ricchi.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

TUTELA DEI PATRIMONI DELLE FAMIGLIE STORICHE

A differenza di banche e società di gestione finanziaria i family non si occupano della intermediazione finanziaria, ma solo ed esclusivamente di servizi di consulenza che spaziano da quella finanziaria fino agli estremi della gestione delle flotte di yacht o della migliore scuola per i figli. I pionieri in questo settore sono state le grandi dinastie imprenditoriali, che hanno creato in casa i propri family office: la famiglia Zambon, degli industriali chimico-farmaceutici vicentini, i Pallavicini, blasonata famiglia romana, i Tosetti di Torino, i Branca, proprietari del famoso Fernet Branca, i Manuli, acciaierie, i Boroli-Drago, proprietari della De Agostini, ora anche azionisti di Generali. Per non parlare degli Agnelli, e di Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica: tutti hanno un family office che custodisce beni e segreti di casa. Il 35% delle imprese del Fortune 500 sono possedute e gestite da una famiglia. Qualche nome: Walmart, Volkswagen, Berkshire Hathaway di proprietà del guru della finanza Warren Buffett, che ne è il presidente…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.