Perché investire è d’obbligo in questo momento

Leggi i consigli dell'economista Alberto Chan per evitare di impoverirti il ​​meno possibile nell'attuale contesto di alta inflazione

Perché investire è d’obbligo in questo momento
6' di lettura

Non molti anni fa, in una conversazione con amici o parenti in cui si parlava di denaro, è sorta la domanda: “Investi o no?” E la cosa strana per molti è stata che la risposta è stata “sì”, come se il fatto di investire fosse qualcosa di “un altro mondo”, estraneo alle economie familiari o della quotidianità.

Ma è anche vero che fino a tempi recenti la stragrande maggioranza della nostra società non sentiva il bisogno di investire, e si concentrava quasi esclusivamente sul lavoro, sul percepire uno stipendio (previo pagamento delle tasse), sulla spesa (pagare le tasse) e su ciò che rimaneva a fine mese è stato lasciato nel classico conto corrente della banca di una vita. Nella migliore delle ipotesi, parte di quei soldi che c’erano in banca servivano per comprare un po’ di un fondo di investimento, solitamente Fixed Income, mettendo la sicurezza prima della redditività, e per chi era un po’ più audace compravano le classiche azioni della banca dove avevano domiciliato la busta paga, più che altro perché il direttore della banca (noto per “tutta la vita”), aveva detto che “dall’alto” avrebbero dovuto dirgli che era ora di comprare… La cosa curiosa è che attualmente alcuni si chiedono ancora perché il prezzo di quelle azioni sia sceso, subito dopo averle acquistate. Ma comunque c’erano quelle poche azioni, insieme a qualcosa da un fondo di investimento che non guadagnava niente e il resto sul conto corrente.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Questo, in linea di massima, è l’approccio al mondo degli investimenti della nostra società fino a poco tempo fa, cioè praticamente nulla. Potrebbe quasi essere paragonato al riavvicinamento che i principali leader politici al Governo hanno tra loro. Tuttavia, guardando in modo neutrale, potresti anche capire “in una certa misura” che se non avere i tuoi risparmi investiti non danneggerebbe molto il tuo livello di ricchezza, è altresì vero che non godresti nemmeno dei grandi benefici del mondo dall’investimento. E aggiungo che difficilmente si è fatto male, dal momento che l’inflazione negli ultimi anni si è aggirata intorno a livelli inferiori al 2%, il che significa che il prezzo del “cestino della spesa” è aumentato a malapena anno dopo anno, anche se è evidente che l’aumento del costo di vivere era prudente, lento e, in qualche modo, assimilabile dalla vasta parte della nostra società.

Il problema è arrivato poco più di 1 anno fa ormai, nella primavera del 2021, hanno cominciato ad apparire alcune notizie (a quel tempo estranee all’interesse generale, come previsto) che indicavano alcuni problemi di stock merce, alcune idee di limitazioni o possibili blackout elettrici, carenza di microchip necessari in vari settori, blocco di container in Cina, ecc… Tutto questo, insieme alla grande quantità di denaro iniettata dalle Banche Centrali dalla pandemia di Covid-19.

Questo è stato l’insieme di eventi reali che ha avviato l’escalation dei prezzi, e che è stato ulteriormente rafforzato ma non ha mai condizionato la guerra tra Russia e Ucraina, poiché molti dei leader politici che tutti conosciamo volevano scusarsi. Questo fatto significava portare l’inflazione (CPI) a oltre il 10% in Spagna e vicino a 2 cifre nella maggior parte dei paesi europei. Qualcosa che implica non solo l’alto costo della vita e la perdita di potere d’acquisto, ma anche che i nostri soldi, i nostri risparmi che hanno richiesto così tanto sforzo per generare, pagare le tasse e risparmiare netti, stanno ora “bruciando” a un ritmo elevato. tasso vicino al 10% ogni anno. Ciò significa che ogni persona che ha risparmiato, supponiamo, 30 anni della sua vita, se questa situazione economica continua senza reagire, perderà nei prossimi 5 anni la metà di tutti i risparmi della sua vita. QUESTO È QUALCOSA DI TERRIFICANTE, MA ALLO STESSO TEMPO REALE E CHE GIÀ STIAMO VIVENDO!

Come risolviamo il problema e quali mezzi abbiamo a nostra disposizione per combattere l’inflazione?

La prima cosa che dovremmo sapere è che non fare nulla implica qualcosa: diventare più poveri a grande velocità! Non vale più non investire, non vale più lasciare i nostri soldi in conti correnti o fissati in prodotti che contribuiscono a malapena un misero 1% ai nostri risparmi, perché se l’inflazione è al 10% significa che ti stai impoverendo te stesso a un tasso del 9% all’anno. Dobbiamo battere l’inflazione, dobbiamo assicurarci che il ritorno che otteniamo sui nostri risparmi sia uguale o superiore a quel 10%, al fine di mantenere il nostro livello di ricchezza nel peggiore dei casi.

Per questo dobbiamo già capire che poco tempo fa l’investimento poteva diventare un’opzione in più o un modo per arricchirci, e ora è un mezzo obbligatorio per non impoverirci. In questo senso, dobbiamo essere consapevoli che ci sono vari prodotti finanziari con cui possiamo ottenere rendimenti in grado di superare l’inflazione, potendo così ottenere ricchezza in tempi di crisi, in un ambiente dove il 90% della popolazione che non segue questi consigli sarà destinato a ridiventare più povero, solo che ora la velocità dell’impoverimento sarà qualcosa di mai visto nel 21° secolo.

Gli strumenti che ci aiutano ad ottenere rendimenti per i nostri soldi superiori all’inflazione passano necessariamente attraverso il Variable Income (Borsa), evitando tutti i prodotti che ci promettono rendimenti fissi precedenti, poiché nessuno di essi può garantire rendimenti superiori a quelli che vedremo in inflazione.

Per questo, tutto ciò che riguarda le rendite variabili, siano esse azioni, o prodotti derivati ​​come le potenti ‘Opzioni Vanilla’, saranno gli strumenti necessari per combattere questa crisi finanziaria, che significherà un’enorme opportunità di arricchimento se sappiamo investire i nostri risparmi attraverso questi strumenti.

Tuttavia, sono consapevole che, sebbene una parte della società sia interessata a imparare a investire e utilizzare questi strumenti finanziari per i propri risparmi (formato nel più grande gruppo di formazione online in spagnolo per le opzioni “CHAN VIP OPTIONS”), è anche vero che un’altra parte della società, dovendo ancora formarsi, non ha tempo per poter fare i propri investimenti da sola.

Per questo motivo esiste uno strumento che unisce solo in alcune occasioni gli strumenti precedenti, e sono i ‘Fondi di Investimento’, veicoli che permettono di investire il denaro di una persona, con un professionista dei mercati finanziari che esegue il lavoro. In questo senso, solo i fondi di investimento a ‘Gestione Attiva’ sono davvero quelli che hanno alle spalle professionisti che lavorano per cercare il massimo ritorno sul denaro dei propri clienti. Anche se dovremmo sapere che la stragrande maggioranza di questo tipo di fondi tende ad essere riservata dagli istituti finanziari alle banche private, cioè capitali minimi di 6 cifre e oltre, escludendo coloro che non hanno il capitale minimo. Per questo, e con l’idea di democratizzare e dare a chiunque accesso a queste opportunità, conduciamo progetti che consentono a chiunque di investire attraverso un fondo di investimento (completamente regolamentato) con gestione attiva di qualsiasi capitale. Faremo così in modo da offrire a tutti opportunità e strumenti per investire e uscire più forti da una crisi senza precedenti che è già iniziata.

Richiedi informazioni su come allenarti a ChanVipOpciones@gmail.com

Articolo di Alberto Chan, formatore per investitori, consulente di A&A International Investment Fund, scrittore ed economista di Grupo Planeta BestSeller.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.