Che cos’è una mini IPO?

Ecco come le aziende possono raccogliere capitali dagli investitori al dettaglio senza essere quotate in Borsa

Che cos’è una mini IPO?
2' di lettura

Far crescere un’azienda è difficile, soprattutto quando l’accesso al capitale è limitato; ogni anno migliaia di società con la capacità di poter avere un impatto positivo sul mondo falliscono semplicemente perché non hanno il capitale per ingrandirsi o per sostenere la propria crescita.

Un’azienda non può fare molta strada raccogliendo capitali soltanto da amici e familiari, e l’accesso al capitale di rischio può essere estremamente difficile (per non parlare dei costi); i fondatori si trovano spesso costretti a cedere una quota di maggioranza della loro azienda ai venture capitalist nei primi round di finanziamento.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’altra opzione tradizionale è la raccolta di capitali attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO), con cui le azioni della società vengono vendute per poi essere scambiate in Borsa; questa è semplicemente una strada non percorribile per la maggior parte delle società in fase iniziale. Tale processo comporta un’enorme quantità di burocrazia e ingenti costi correnti.

Regolamento A+: la “Mini IPO”

Negli Stati Uniti, il JOBS Act ha stabilito il quadro per il Regolamento A+, che è stato creato per fornire alle piccole imprese un mezzo più snello ed economico per poter raccogliere capitali dai singoli investitori.

Ai sensi del Regolamento A+, ora le aziende possono vendere titoli al grande pubblico, compresi gli investitori non accreditati, senza gli oneri e i costi che accompagnano il diventare una società che deve riferire pubblicamente.

Questo regolamento ora viene utilizzato da diverse società per raccogliere capitali di crescita, finanziare affari immobiliari e persino frazionare e vendere azioni di asset come immobili, opere d’arte, oggetti da collezione e persino cavalli da corsa.

Knightscope (NASDAQ:KSCP) ha recentemente effettuato due round di finanziamento attraverso il Regolamento A+ prima di quotarsi in Borsa sul NASDAQ.

Dalmore Group, il principale broker-dealer per le raccolte di capitale nell’ambito del Regolamento A+, ha già aiutato oltre 200 aziende a raccogliere capitali ai sensi di questo regolamento; alcune aziende che attualmente hanno offerte includono Aptera Motors, Boxabl, Home Bistro, SafeRx e dozzine di altre.

Benzinga discuterà con Etan Butler di Dalmore Group durante un evento live gratuito, che si terrà il 28 giugno 2022 alle ore 14:00 ET, su come le aziende possono utilizzare un processo semplificato per il lancio di un’offerta tramite il Regolamento A+. L’evento sarà anche in diretta su YouTube.

Immagine di Prostock-studio su Shutterstock

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.