Perché investire in materie prime a lungo termine?

Se prendiamo i rendimenti accumulati negli ultimi tre anni, le materie prime hanno registrato, quasi nella loro totalità, rendimenti positivi

Perché investire in materie prime a lungo termine?
3' di lettura

Le materie prime potrebbero aver iniziato un nuovo super ciclo, come aveva previsto la banca americana JPMorgan più di un anno fa. Inoltre, secondo il testo da loro pubblicato, le commodities hanno già registrato fino a quattro periodi straordinariamente rialzisti negli ultimi 100 anni, l’ultimo dai quali nel 2008. Ora, sembra che la situazione si stia ripetendo.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Ma la cosa più interessante non è essere all’interno del superciclo, ma la visione a lungo termine. E i dati, come il cotone, non mentono. La migliore prova di ciò è che, se prendiamo i rendimenti accumulati negli ultimi tre anni – una pandemia nel mezzo – le materie prime hanno quasi interamente registrato rendimenti positivi. Pertanto, delle 33 principali materie prime, 32 hanno visto il loro aumento di prezzo negli ultimi tre anni. Per questo motivo potrebbe essere interessante per l’investitore avere in portafoglio un paniere di materie prime e beneficiare così del trend.

Quali sono stati i più rialzisti?

Se prendiamo i dati degli ultimi 36 mesi, fino a quattro di loro hanno raddoppiato il loro valore e la maggior parte è stata superiore al 24%. Quello che ha mostrato il comportamento migliore, motivato anche dall’attuale situazione derivata dalla guerra in Ucraina, è stato il gas naturale, con un aumento del 159%. L’olio di soia segue al secondo posto con il 113% e il caffè con il 108%. Da parte sua, benzina e diesel sono aumentati rispettivamente del 100% e del 96%.

Ma la cosa più sorprendente è che, a parte il cacao con -9,7% e il platino con +5%, il resto è cresciuto di oltre il 24%. Dall’argento alla farina al mais, hanno registrato rendimenti a due cifre negli ultimi 36 mesi. Ecco perché può essere interessante, come investitore, avere nel proprio portafoglio, o almeno tenere conto, di questo mercato che ha funzionato così bene negli ultimi anni.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Se viene realizzata una media delle 33 principali commodities, la redditività degli ultimi tre anni è stata del 54%. Quindi, se avessimo investito 10.000 euro, distribuendoli equamente tra tutte queste aziende, avremmo ottenuto un utile di 5.400 euro in soli tre anni.

Continueranno a salire?

Questa è una domanda complessa, perché ci sono ragioni per pensarlo, ma anche per essere prudenti. La mancanza di investimenti nelle infrastrutture di trattamento del petrolio e del gas negli ultimi anni suggerisce che queste due materie prime potrebbero rimanere rialziste, almeno se la situazione non verrà ribaltata. Ma vale anche la pena tenere conto del fatto che il pericolo di una recessione implica anche un minor consumo e una minore domanda di queste merci.

D’altra parte, i metalli possono trarre maggiori benefici perché la prossima transizione ecologica richiede una maggiore quantità di questo tipo di prodotto. Infatti, le nuove auto elettriche richiedono più metallo.

Con tutto ciò, il mercato delle materie prime può essere interessante, come si è visto in termini di redditività, ma è un settore molto ciclico con elevata volatilità, tipica delle azioni. Pertanto, l’investimento dipenderà dal profilo di rischio.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.