Parità di genere: la situazione in Europa e l’impegno concreto di Etica Sgr

Parità di genere: la situazione in Europa e l’impegno concreto di Etica Sgr
1' di lettura

Il Parlamento europeo ha approvato il disegno di legge “Women on Boards” per favorire l’accesso delle donne nei consigli di amministrazione delle grandi aziende. Ecco la fotografia in Italia e in Europa

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Si chiama “Women on Boards” il disegno di legge approvato dal Parlamento europeo per aumentare la presenza delle donne nei consigli di amministrazione e favorire la parità di genere. Dopo ben 10 anni di confronto, la direttiva è diventata legge grazie anche all’impegno di Evelyn Regner attuale Vice Presidente del Parlamento europeo ed ex Presidente della Commissione permanente per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere e Lara Wolter membro dell’Intergruppo del Parlamento europeo sulla lotta alla corruzione.

COSA PREVEDE LA LEGGE

La legge prevede che almeno il 40% degli incarichi di amministratore non esecutivo o il 33% di tutti gli incarichi di amministratore siano occupati dal “genere sottorappresentato”. Per le imprese la scadenza è il 30 giugno 2026, un anno e mezzo in anticipo rispetto al termine precedente. Secondo quanto previsto dalla legge, a parità di qualifiche la priorità dovrà andare al candidato appartenente al genere meno presente. Inoltre per le aziende è previsto un obbligo di trasparenza e una volta all’anno, nei loro consigli, dovranno verificare se gli obiettivi di “Women on Boards” sono stati raggiunti. La legge non si applica per le piccole e medie imprese con meno di 250 dipendenti…

Continua la lettura



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.