La strategia di Pictet passa dal sovrappeso dell’obbligazionario

La strategia di Pictet passa dal sovrappeso dell'obbligazionario
1' di lettura

Fabio Castaldi, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management, spiega le strategie di portafoglio da qui a fine anno. Utili societari a rischio revisione al ribasso. Possibile una Bce meno aggressiva della Fed

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Dopo il re-pricing aggressivo di agosto e inizio settembre, un sovrappeso sui mercati obbligazionari rispetto agli attivi a rischio può essere ora giustificato. In particolare, in Europa, dove il peso della crisi energetica impatterà profondamente aziende e consumatori, ed è possibile che la traiettoria dei rialzi dei tassi della Bce possa essere meno aggressiva di quanto prezzato dai mercati e fatto intendere da Christine Lagarde. I mercati azionari restano invece vulnerabili, con il deterioramento macro che rischia di impattare gli utili societari, su cui è lecito ipotizzare importanti revisioni al ribasso, anche del 15-20% su base annua.

RIMBALZO ESTIVO POI CORRETTO

Sono le indicazioni di Fabio Castaldi, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management, che analizza le strategie di portafoglio da adottare da qui a fine anno, ritenendo che un posizionamento difensivo sugli attivi a rischio sia al momento l’impostazione da assumere. Il recupero significativo e sincrono dei mercati azionari e obbligazionari di luglio è stato completamente corretto in agosto, dopo la linea dura contro l’inflazione riaffermata a Jackson Hole, dalle principali banche centrali. In Europa, a valle della riunione della Bce di settembre, i tassi sono ora prezzati a 1,75% per fine 2022, con un punto di arrivo al 2,25% nel primo semestre del 2023…

Continua la lettura



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.