Un’ora di Solana costa come una transazione in Bitcoin

Al contrario di Bitcoin e ancor prima di Ethereum, Solana emerge come promettente progetto di criptovaluta carbon neutral.

Un’ora di Solana costa come una transazione in Bitcoin
5' di lettura

Non mancano i sostenitori di Ethereum (CRYPTO: ETH) nel Web3, ma il premio per il “più inaspettato endorsement” va a Greenpeace. L’associazione ambientalista infatti sostiene che il merge lo sposta verso un sistema di convalida Proof-of-Stake (POS) più rispettoso dell’ambiente rispetto al sistema originale Proof-of-Work (POW). Se non hai seguito l’evento e il significato di POW vs. POS, la versione di tl;dr è che il POW richiede semplicemente più potenza di calcolo rispetto al POS. Quindi il mondo avrà meno calcoli crittografici e più energia per conigli e fiori. 

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Ma prima di inviare inviti Greenpeace ai nostri server discord, tieni presente che sono piuttosto critici nei confronti di Bitcoin (CRYPTO:BTC). Greenpeace ha dichiarato infatti nel suo comunicato stampa: “La tanto attesa ‘fusione’ di Ethereum in un meccanismo di consenso proof of stake utilizza il 99,95% in meno di energia, lasciando Bitcoin come la più grande criptovaluta che utilizza il meccanismo di consenso proof of work ad alta energia e antiquato”.

Scott Melker, analista di criptovalute, scrittore e podcaster, ha osservato nella sua newsletter “The Wolf’s Den” che il finanziamento dietro la campagna da 1 milione di dollari contro Bitcoin suggerisce alcuni conflitti di interesse.

“Sono a favore dei miner che che ripuliscono le loro operazioni, ma non è di questo che tratta la campagna. La campagna cripto di Greenpeace è iniziata a marzo, sostenuta dal miliardario cripto Chris Larson, presidente esecutivo di Ripple. Ripple sta finanziando la campagna ambientale contro Bitcoin”, ha scritto Melker.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Per fortuna, la Solana (CRYPTO:SOL) Foundation ha pubblicato il secondo rapporto annuale sull’impronta di carbonio della blockchain

Solana utilizza un approccio unico, con un protocollo proof-of-history (POH) che rende la conferma del blocco più veloce del POS. Solana, basandosi sul POH, è anche molto più efficiente dal punto di vista energetico. In effetti, la home page ha una grafica (senza citazione) che racconta la storia in modo toccante: Solana è quasi 50 volte più efficiente di Ethereum e migliaia di volte più efficiente di Bitcoin.

Nel loro ultimo rapporto, basato su un “nuovo set di dati e analisi” di Othersphere, guidato da Robert Murphy, hanno condotto una valutazione del carbonio.

Alcuni punti salienti di questo rapporto 

La valutazione dell’impronta di carbonio complessiva della rete è di 3.412 tonnellate di CO2 all’anno, in aumento del 26% rispetto alle 2.707 tonnellate di CO2 all’anno di marzo 2022.

  • L’impronta di carbonio complessiva viene misurata sommando le emissioni dovute al consumo di energia (1.772 tonnellate di CO2 all’anno) con le emissioni dovute alla produzione di hardware, note anche come rifiuti elettronici (1.639 tonnellate di CO2 all’anno).
  • I motivi principali delle modifiche sono:
    • L’incorporazione delle emissioni dovute alla produzione di hardware (rifiuti elettronici) nel rapporto sull’uso dell’energia, che ha aggiunto 1.639 tonnellate di CO2 all’anno.
    • Diminuzione delle emissioni, risultante da una riduzione del consumo energetico stimato per nodo validatore, che è sceso del 48% da 984 W a 509 W per nodo validatore.
    • Inclusione dell’utilizzo di energia rinnovabile specifico del data center, che ha ridotto l’intensità media di carbonio della rete di circa il 10% da 198 a 180 g di CO2 per KWh.

Il rapporto afferma inoltre: “Sebbene ci siano sempre miglioramenti da apportare, quando si tratta di riduzione delle emissioni, è importante notare che Solana rimane una blockchain incredibilmente efficiente dal punto di vista energetico e che la rete è a emissioni zero grazie all’acquisto di compensazioni da parte della Fondazione. Questa analisi ha rilevato che l’esecuzione dell’intera rete Solana per un’ora consuma meno energia di una singola transazione Bitcoin”.

La Fondazione Solana ha dichiarato nel rapporto che continua a cercare modi per migliorare la propria efficienza energetica, tra cui:

  • L’uso di NFT compressi, che consentono di coniare da 8 a 10 NFT in una singola transazione.
  • Raddoppiamento della dimensione della transazione, che aumenta l’efficienza per blocco della catena e consente alla rete di ottenere di più in una singola transazione per un aumento minimo della potenza di calcolo. 

L’ultima parola

Se speriamo di raggiungere un pubblico di acquisto mainstream, il mondo delle criptovalute deve affrontare le preoccupazioni sull’impronta di carbonio. Possiamo speculare sul fatto che i frigoriferi o le lavatrici consumino più energia – non è proprio questo il punto. Il punto è che la corsa al rialzo di cui abbiamo goduto per quasi due anni si basa sugli investimenti tradizionali e gli investitori tradizionali vogliono che l’impatto ambientale venga affrontato. 

Affrontare le preoccupazioni ambientali delle criptovalute, cosa che cercano di fare progetti come Solana, è a prova di futuro contro l’opinione pubblica. Gli acquirenti vogliono carbon neutral e, alla fine, l’avranno. Bitcoin non cambierà mai il suo meccanismo di consenso, ma ci sono alcuni sostenitori di Bitcoin che hanno suggerito che il mining di Bitcoin possa diventare carbon negative. L’analista ambientale Daniel Batten ha suggerito che il mining di Bitcoin può diventare carbon negative entro il quarto trimestre del 2024 “bruciando metano precedentemente scaricato”.

Jason Fernandes, il fondatore del cripto launchpad AdLunam, ha condiviso questo thread su Reddit riguardante il primo impianto di mining a energia solare in Australia. 

Solana non era immediatamente disponibile per un commento.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni