Mutui e carte di credito: cosa cambia con l’aumento dei tassi

Ecco cosa cambierà per i consumatori con l’ultimo aumento dei tassi di interesse deliberato dalla Federal Reserve

Mutui e carte di credito: cosa cambia con l’aumento dei tassi
5' di lettura

Mercoledì ha segnato l’ultimo giorno d’estate e la conferma di un nuovo rialzo del tasso sui federal funds dello 0,75%.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Con questa misura, la Federal Reserve si aspetta che cadano qualcos’altro oltre alle foglie degli alberi: i prezzi.

Nel frattempo, tutti dovrebbero aspettarsi un ritorno faticoso verso l’inflazione al 2%. Ciò significa un aumento del costo di acquisizione di nuovo debito, dai mutui agli interessi delle carte di credito ai prestiti personali. Anche la disoccupazione dovrebbe aumentare mentre la Fed cerca di rallentare l’economia.

Perché la Fed continua ad aumentare i tassi di interesse

La Federal Reserve ha alzato il tasso sui fondi dall’inizio dell’anno nel tentativo di combattere l’inflazione, che negli Stati Uniti era aumentata dell’8,3% ad agosto.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il tasso sui fondi federali stabilisce il tasso di interesse che le banche devono pagare per prendere in prestito denaro l’una dall’altra. Quando il tasso aumenta, le banche trasferiscono i costi aggiuntivi ai loro clienti, aumentando il prezzo del prestito di denaro in tutto, dalle aziende alle famiglie.

La Fed lo sta facendo per un semplice motivo: farti spendere meno soldi

Con l’inflazione al di sopra dell’8% per il sesto mese consecutivo, il costo degli articoli di consumo sta aumentando a tassi ben al di sopra del 2% annuo.

La Fed è stata chiara nel suo obiettivo: alzando i tassi di interesse, si aspetta un calo della domanda su tutta la linea. Con meno clienti che acquistano prodotti e servizi, le aziende saranno costrette a ridurre i prezzi per competere. Questo processo dovrebbe alla fine raffreddare l’inflazione fino al 2%.

In che modo l’aumento dei tassi di interesse influisce sul potere d’acquisto 

Mentre tutti sarebbero contenti di un’inflazione più bassa, la strada verso questo obiettivo sarà dolorosa per molti, specialmente per chi cerca di acquistare nuovo debito nel prossimo futuro.

Come regola generale, l’aumento dei tassi di interesse non influisce sul debito acquisito a tasso fisso, come i prestiti o i mutui a tasso fisso. Influisce invece sui pagamenti dovuti sui prestiti a tasso variabile, nonché sui tassi di interesse sui debiti di nuova acquisizione.

I mutui Negli ultimi anni gli interessi sui mutui a tasso fisso sono stati ai minimi di decenni, raggiungendo livelli inferiori al 3% negli Stati Uniti per diversi mesi del 2020 e del 2021. Ma l’aumento dei tassi di interesse sta avendo un effetto sul costo dei mutui.

I dati della Fed di St. Louis valutano il mutuo a tasso fisso medio al momento della stesura di questo articolo al 6,29%.

I tassi di interesse che dovrebbero continuare a salire nel 2023 ben al di sopra della soglia del 4%, e i mutui dovrebbero seguire l’esempio.

Anche chi sta pagando mutui a tasso variabile o ibrido a tasso variabile dovrebbe vedere aumentare le loro tariffe in base alla struttura del mutuo.

Carte di credito I dati mostrano che gli americani usano di più le loro carte di credito e l’inflazione rende difficili i pagamenti per i residenti con il reddito più basso. L’aumento dei tassi di interesse è una cattiva notizia per chi dipende dalle carte di credito per coprire le spese mensili; il tasso sui fondi federali influisce infatti sul tasso percentuale annuale delle carte di credito, o APR.

Una volta terminato il “periodo di grazia” della carta, se non hai pagato la somma dovuta, inizierai a pagare di più man mano che gli interessi si accumulano. L’APR è la rappresentazione annualizzata degli interessi giornalieri addebitati sul saldo riportato dopo la fine del mese più le commissioni. 

All’inizio di questo mese, Bloomberg ha riportato che il tasso di interesse medio per le carte di credito è il più alto degli ultimi 25 anni. Al 18% e in aumento, questa cifra è cresciuta da quando la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse e si prevede che continui a salire con nuovi incrementi previsti a novembre e il prossimo anno.

Prestiti personali: Anche i tassi di interesse sui prestiti personali (spesso contratti per ripagare il debito della carta di credito o altri tipi di debito) stanno aumentando con gli aumenti federali, secondo Bank Rate.

Questi includono prestiti per la casa, spesso indicati come secondo mutuo, così come prestiti auto e altre forme di debito dei consumatori.

I prestiti studenteschi federali sono un’esenzione. Questi avranno tassi di interesse fissi se sottoscritti prima di luglio 2023 a causa delle misure in vigore dall’inizio della pandemia. 

Tassi di interesse e sicurezza del posto di lavoro

Un aumento del costo di acquisizione di nuovo debito non è l’unica conseguenza dell’aumento dei tassi di interesse. Poiché l’obiettivo di fondo è rallentare l’economia, le misure della Fed possono avere un impatto anche sul mercato del lavoro.

“Negli ultimi mesi i nuovi posti di lavoro sono stati solidi e il tasso di disoccupazione è rimasto basso”, si legge in un comunicato stampa della Federal Reserve che annuncia il nuovo aumento mercoledì.

La forza del mercato del lavoro odierno è uno dei pochi fattori che impediscono al National Bureau of Economic Research di dichiarare ufficialmente una recessione, anche se l’economia americana è in contrazione da due trimestri consecutivi.

Con un tasso di disoccupazione del 3,7% ad agosto, il mercato del lavoro è in condizioni leggermente peggiori rispetto a luglio, ma complessivamente migliori rispetto ad agosto 2021.

Con l’aumento dei tassi di interesse e il rallentamento dei consumi, i datori di lavoro potrebbero rispondere tagliando i costi, il che significa lasciare andare parte della loro forza lavoro.

Secondo Trading Economics, si prevede che il tasso di disoccupazione aumenterà di circa il 4,4% nel 2023, esercitando ulteriore pressione su dipendenti e imprese.

Anche se l’obiettivo finale della Fed è raggiungere la massima occupazione, i forti livelli di occupazione odierni non sono in linea con un’economia in contrazione.

La disoccupazione dovrebbe aumentare temporaneamente fino a quando l’inflazione non scenderà e l’economia si stabilizzerà di nuovo.

Immagine Shutterstock.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni