Perché l’oro non sale nonostante l’inflazione elevata?

L'oro prosegue lungo il canale discendente nonostante la perdurante inflazioni a causa dell'ottimisimo degli investitori sul futuro dell'economia.

Perché l’oro non sale nonostante l’inflazione elevata?
3' di lettura

L’oro Spot scambiava a livelli invariati lunedì dopo che una certa volatilità mattutina ha visto le materie prime raggiungere un nuovo minimo di 52 settimane prima di rimbalzare.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Questo e altri indicatori mostrano come l’oro non sia una buona copertura contro i mercati, che sono stati influenzati negativamente dall’impennata dell’inflazione. La materia prima ha registrato una tendenza al ribasso a lungo termine a partire dall’8 marzo, perdendo circa il 20% dal massimo di 2.070,42 a circa 1.644 dollari l’oncia.

Sebbene l’oro sia sceso meno dello S&P 500 da inizio anno, la materia prima è scesa all’incirca allo stesso livello dell’S&P 500 rispetto ai massimi storici, essendo quest’ultimo in calo del 23% dal massimo storico del 4 gennaio di 4.818,62.

Come reagisce l’oro

John Paulson, miliardario e fondatore del fondo Hudge, ritiene che l’oro stia attraversando un ciclo ribassista nell’attuale contesto economico perché il mercato non è convinto che l’inflazione durerà a lungo.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

«Il problema è che l’oro funge da copertura contro l’inflazione, ma mentre l’attuale tasso di inflazione è elevato, le aspettative di inflazione a lungo termine sono ancora molto basse. È tipo il 2,5%», ha detto a Bloomberg il fondatore di Paulson & Co.

Paulson reputa che l’oro comincerà a crescere qualora la Federal Reserve non si riveli in grado di affrontare l’inflazione e, a sua volta, l’economia si indebolisse.

«Penso che ciò che serve all’oro perché reagisca di più reattivo è che la Fed alzi i tassi, l’economia si indebolisca e questi si fermino. E poi capiscano che non possono controllare l’inflazione», ha detto Paulson.

Ha aggiunto che se i rialzi previsti dalla Fed saranno in grado di frenare l’inflazione solo tra il 4% e il 6%, le aspettative a lungo termine aumenteranno.

Le persone non crederanno che la Fed possa controllarlo. E poi penso che l’oro salirà a livelli più alti», ha detto.

Per ora, l’oro viene scambiato in una tendenza al ribasso a lungo termine tra due linee parallele, che hanno impostato la materia prima su un modello di canale discendente. Il pattern è considerato ribassista fino a quando un titolo o una materia prima non si separano in modo rialzista dalla linea di tendenza discendente superiore del canale.

Esistono diversi strumenti per l’analisi tecnica, incluso Ninja Trader. Ninja offre grafici avanzati e altri prodotti come parte della sua suite di trading progettata per aiutare gli investitori a navigare nei mercati. La piattaforma consente ai suoi membri di automatizzare ed eseguire operazioni e di testare idee di trading attraverso la simulazione.

Il grafico dell’oro

L’oro scambia secondo uno schema di canale discendente dall’8 marzo, ottenendo una serie abbastanza coerente di massimi e minimi inferiori su intervalli di tempo più ampi. Lunedì ha tentato di superare la linea mediana del canale, ma non è riuscito.

  • Tuttavia, una rottura della linea mediana potrebbe avvenire martedì se l’oro chiude la giornata di negoziazione quasi piatto. In tal caso, l’oro stamperà una candela doji a forma di libellula sul grafico giornaliero,che potrebbe indicare un rimbalzo all’orizzonte.
  • È probabile che si verifichi un rimbalzo nei prossimi giorni perché l’indice di forza relativa (RSI) dell’oro è a circa il 30%. Quando un RSI di azioni o materie prime si avvicina o raggiunge il livello del 30%, diventa ipervenduto, il che può indicare un’opportunità di acquisto.
  • Quando l’RSI dell’oro ha raggiunto il livello del 30% il 1 settembre e il 15 settembre, la materia prima è rimbalzata rispettivamente del 2,73% e dell’1,4% nei prossimi giorni di negoziazione.
  • L’oro ha una resistenza superiore a 1.645,50 e 1,678,01 dollari e supporto inferiore a 1.600 dollari, che rappresentano una soglia psicologica importante.

gold_sept._26.png

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni