Meta di Mark Zuckerberg non è più tra le prime 10

Mentre le azioni Meta scambiano all'interno di un pattern a triangolo discedente, il colosso dei social network scivola di due posizioni nella classifica delle aziende più capitalizzate al mondo.

Meta di Mark Zuckerberg non è più tra le prime 10
2' di lettura

Meta Platforms Inc. (NASDAQ:META) non è più tra le prime 10 società al mondo da quando la sua capitalizzazione di mercato è scesa a 366,61 miliardi di dollari con le azioni della società che hanno chiuso giovedì in calo del 3,67%.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Meta è passata alla dodicesima posizione tra le società con la maggiore capitalizzazione di mercato dietro Exxon Mobil Corp (NYSE:XOM) la cui capitalizzazione ammontava a 369,59 miliardi di dollari, portandola all’undicesimo posto, come mostrano i dati di companiesmarketcap.com. Visa Inc. (NYSE:V) è ora al decimo posto, con una valutazione di mercato di 372,51 miliardi di dollari.

Apple Inc. (NASDAQ:AAPL) mantiene stabilmente il primo posto, con una valutazione di mercato di quasi 2,29 trilioni di dollari, alla chiusura di giovedì.

Il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha annunciato l’intenzione di riorganizzare i team e ridurre il personale per la prima volta in assoluto, secondo un rapporto di Bloomberg.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Zuckerberg ha affermato che la società congelerà le assunzioni e ristrutturerà alcuni team per ridurre le spese e riallineare le priorità. Meta sarà probabilmente più piccola nel 2023 rispetto a quest’anno, ha riferito.

Perché è importante

La capitalizzazione di mercato di Meta ha raggiunto il livello più alto il 1 settembre 2021, quando ha raggiunto un picco di poco più di 1,07 trilioni di dollari. Seguire la rotta del mercato finanziario Gli aggressivi rialzi dei tassi da parte della Fed per controllare l’inflazione hanno avuto un forte impatto sui titoli tecnologici quest’anno.

Le azioni Meta hanno perso oltre il 59% dall’inizio del 2022.

Nello stesso periodo, le azioni di Exxon Mobil hanno guadagnato oltre il 39%, sostenute da un aumento dei prezzi del petrolio dovuto alla guerra Russia-Ucraina e alla carenza globale di energia.

Nel secondo trimestre, la società ha generato utili per 17,9 miliardi di dollari contro i 4,69 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso. Il flusso di cassa derivante dalle attività operative è stato di 20 miliardi di dollari.

L’azienda ha attribuito i numeri più elevati all’aumento della produzione, delle realizzazioni e dei margini e a un controllo aggressivo dei costi.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni