Non solo Facebook e Twitter: anche le startup indiane soffrono

Una panoramica sui licenziamenti e le difficoltà affrontate in questo periodo dalle principali startup tech indiane

Non solo Facebook e Twitter: anche le startup indiane soffrono
2' di lettura

Twitter e Meta Platforms Inc. (NASDAQ:META) non sono le uniche aziende a licenziare personale; anche le startup indiane hanno recentemente licenziato migliaia di lavoratori.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Circa 15.708 dipendenti sono stati licenziati da 44 startup in India, tra cui ​l’unicorno sostenuto da Tiger Global Byju, Plum e il conglomerato giapponese finanziato da SoftBank (OTC:SFTBY) Ola, secondo ​ l’Indian Startup Layoff Tracker, tramite Inc42.

La tendenza è iniziata all’inizio di quest’anno con l’esaurimento dei finanziamenti. Quest’anno, il finanziamento iniziate è significativamente inferiore rispetto al 2021, ha affermato Inc42. 

Unendosi alla sfilza di startup, mercoledì Plum, con sede a Bengaluru, avrebbe licenziato 36 dipendenti, o circa il 10% della sua forza lavoro, come parte di un esercizio di riduzione dei costi in un ambiente economico incerto. 

Ciò avviene pochi giorni dopo l’annuncio di Byju che avrebbe iniziato a licenziare circa 2.500 dipendenti, citando un eccesso di manodopera e duplicazione dei ruoli, un motivo simile a quello fornito da Elon Musk nel lasciare a casa i dipendenti di Twitter. 

Nel frattempo, il livello di empatia dell’azienda durante la gestione di tali situazioni non potrebbe essere molto peggiore di quello che è. Secondo quanto riferito, Byju ha fatto ricorso a mezzi non etici costringendo i dipendenti a firmare lettere di dimissioni preconfezionate e assumendo buttafuori per gestire qualsiasi situazione spiacevole mentre ai dipendenti è stato improvvisamente chiesto di andarsene.

Rajiv Talreja, business coach e imprenditore indiano, recentemente diventato virale per aver chiamato l’IPO di Paytm un “enorme hype”, quotazione dietro alla quale si pone il miliardario Warren Buffett Berkshire Hathaway Inc. (NYSE:BRK-A) (NYSE:BRK-B) ha affermato che le startup hanno “assunto in eccesso” i dipendenti. 

“La maggior parte delle start-up licenziano perché hanno assunto in più… Non hanno mai avuto lavoro per queste persone che hanno assunto. Perché hanno assunto in più? – A causa dei finanziamenti in eccesso…”, ha twittato Rajiv Talreja. 

All’inizio di quest’anno, Talreja aveva detto a Benzinga che l’ecosistema delle startup indiane è destinato a una “grande correzione”.

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azioni, breakout, criptovalute e opzioni