LGIM: “Nel 2023 punti di ingresso interessanti per tornare a investire in azioni”

LGIM: “Nel 2023 punti di ingresso interessanti per tornare a investire in azioni”
1' di lettura

Per Sonja Laud (LGIM), le azioni torneranno interessanti, nel momento in cui gli utili avranno scontato il rischio recessione. “L’inflazione è stata il più grande cambiamento per i mercati nel 2022 e rimarrà importante nel 2023”

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Il 2022 è stato un anno difficile per tutte le asset class. I ribassi non hanno riguardato solo l’azionario, ma anche l’obbligazionario. Si è salvato solo il comparto delle commodity. In uno scenario atipico perché, in passato, quando le asset class più rischiose calavano, le obbligazioni riuscivano a limitare il rosso nei portafogli bilanciati. Cosa aspettarsi l’anno prossimo? “Vediamo il 2023 come un anno di transizione: c’è ancora molta incertezza sul quadro del ciclo economico ma possiamo considerare un passaggio da un portafoglio difensivo ad uno che includa asset più rischiosi”, spiega Sonja Laud, Chief Investment Officer at Legal & General Investment Management (LGIM), commentando l’outlook 2023.

[–img-1–]

AZIONI SOTTOPESATE

Le valutazioni azionarie sono interessanti, per capire quanto occorre anche analizzare gli utili. “Per il momento rimarremo sottopesati in azioni e credito, ma stiamo osservando il mercato con molta attenzione poiché riteniamo che a un certo punto nel 2023, con una sufficiente negatività scontata nelle revisioni degli utili, ci saranno migliori punti di ingresso negli asset rischiosi”, prosegue Sonja Laud. In questo scenario, c’è da considerare anche il rischio di recessione che in Europa potrebbe arrivare prima che negli Stati Uniti. E, ovviamente, l’inflazione…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.