Offerta pubblica iniziale di Warner Music: cosa c’è da sapere

I superfan di Lizzo, Ed Sheeran e Cardi B ora potranno trarre profitto dagli ultimi successi dei loro idoli investendo nel titolo di Warner Music, società che è stata appena quotata in Borsa.

Offerta pubblica iniziale di Warner Music: cosa c’è da sapere
1' di lettura

I superfan di Lizzo, Ed Sheeran e Cardi B ora potranno trarre profitto dagli ultimi successi dei loro idoli investendo nel titolo di Warner Music, società che è stata appena quotata in Borsa.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

L’Offerta Pubblica Iniziale

Warner Music Group Corp. emetterà 70 milioni di azioni sull’indice NASDAQ con il ticker WMG, secondo il documento S-1 depositato dall’azienda. L’offerta rappresenta il 100% delle azioni circolanti, avrà un prezzo compreso tra 23 e 26 dollari e dovrebbe portare ad un incasso di circa 2,093 miliardi di dollari.

Tra i principali sottoscrittori figurano Bank of America, Citigroup, Morgan Stanley, Goldman Sachs, JPMorgan e Credit Suisse.

La società

Warner Music, che ha sede a Los Angeles, è un conglomerato di etichette discografiche, che possiede gruppi del calibro di Atlantic Records, Elektra Records e Parlophone Records. È anche una casa editrice che vanta oltre 1,4 milioni di opere musicali, prodotte da oltre 80.000 artisti.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Warner Music attualmente supporta artisti come Bruno Mars, Katy Perry e i Twenty-One Pilots, e mantiene accordi di distribuzione con Apple, YouTube e Tencent.

La società nacque negli anni ’60 come parte degli studi della Warner Bros., e venne venduta dalla Time Warner a proprietari privati nel 2004. E’ stata quotata in Borsa nel 2005, prima di lasciare i mercati nel 2011 a seguito dell’acquisizione da parte di Access Industries.

La situazione finanziaria

Nell’anno finanziario 2019, la direzione ha registrato 4,5 miliardi di dollari di ricavi, contribuendo a un utile netto di 258 milioni di dollari. L’anno precedente aveva registrato entrate per 4 miliardi e un utile netto di 312 milioni.