L’impatto economico del Coronavirus

L’impatto economico del Coronavirus
3' di lettura

Nel 2020, la diffusione su scala globale del Coronavirus ha provocato un calo record nel mercato azionario statunitense e l’impatto economico si è diffuso in modo disomogeneo tra i vari settori e le aree geografiche.

I settori dei servizi rivolti al consumatore, come il tempo libero, la vendita al dettaglio, il turismo e la produzione di automobili sono stati duramente colpiti, secondo Capital Economics. Ma altri, compresi i servizi IT e finanziari, la produzione alimentare e farmaceutica sono andati molto meglio durante la crisi.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Impatto del Coronavirus in Europa, Stati Uniti, Asia: I dati mostrano che esiste una variazione significativa nel modo in cui il virus ha influenzato l’attività economica.

Ad esempio, l’Europa meridionale è stata colpita molto duramente, mentre gli Stati Uniti hanno avuto meno ripercussioni e alcune economie asiatiche ne sono uscite pressoché illese, ha riferito Jennifer McKeown, capo del servizio di economia globale Capital Economics, in una nota.

Nel primo trimestre del 2020, la Cina è stata chiaramente la più colpita tra le principali economie, seguita da Francia, Italia e Spagna, ha affermato McKeown.

La Cina sta segnando un incremento e la Corea del Sud e il Giappone stanno registrato cali abbastanza modesti, ha affermato McKeown.

Secondo l’analista, sembra che Italia, Francia e India stiano assistendo a una caduta dell’attività del 20%, o superiore, nel secondo trimestre.

Stati Uniti, Giappone, Germania offrono il più grande stimolo diretto: Un altro fattore, che potrebbe spiegare alcune delle variazioni degli effetti economici derivati dal COVID-19, è la risposta politica, ha detto McKeown.

Questo fattore rappresenterà un elemento determinante nel ritmo della ripresa nei prossimi mesi, ha affermato l’analista. Ad esempio, la banca centrale degli Stati Uniti ha offerto generosi prestiti alle imprese destinati a mantenere attiva l’economia, ha detto l’analista.

Gli Stati Uniti, il Giappone e la Germania sono state quelle a offrire i pacchetti di stimolo finanziario diretti maggiori tra le principali economie. Al contrario, India, Russia e Brasile sono state più lente nell’offrire sostegno finanziario, secondo Capital Economics.

Il Giappone contiene il virus: Sembra che il Giappone sia riuscito a contenere il virus piuttosto bene, il che è risultato in un lockdown più breve e in impatti economici più contenuti sull’attività, ha riferito McKeown.

“La produzione industriale, ad esempio [in Giappone], è diminuita dell’8,4% su base mensile in aprile rispetto al crollo del 17,9% in Germania. Diverse altre economie asiatiche hanno mostrato una capacità di recupero simile, tra cui Corea e Taiwan.”

L’India, che ha assistito a un’impennata nei casi, nonché un lockdown rigoroso, sembra destinata a subire un crollo dell’attività di entità simile a quella dell’Europa, ha detto l’analista.

Un certo numero di economie che dipendono dal turismo e dal tempo libero, tra cui la Turchia, l’Egitto e gran parte dell’Europa meridionale, rischia di registrare un indebolimento prolungato, ha affermato McKeown.

Le economie che non sono state in grado di offrire uno stimolo politico adeguato saranno ancora meno tempestive nel tornare all’attività come prima, secondo Capital Economics.

Attenzione al ritorno dei focolai: La probabilità di nuovi focolai è molto difficile da valutare in questo momento, ma limiterà il ritmo della ripresa nelle principali economie avanzate e in alcuni mercati emergenti, ha affermato McKeown.

Ondate future di entità più contenuta del virus potrebbero comportare il ripristino delle misure di contenimento, in una certa misura, ha detto l’analista.