Exxon e Koch hanno ingannato il pubblico sulla questione dei cambiamenti climatici

Il procuratore generale del Minnesota farà causa ad Exxon e Koch Industries, accusandole di aver indotto in errore il pubblico sul tema del ‘climate change’

Exxon e Koch hanno ingannato il pubblico sulla questione dei cambiamenti climatici
2' di lettura

Il Procuratore Generale del Minnesota Keith Ellison ha citato in giudizio Exxon Mobil Corporation (NYSE:XOM), tre compagnie riconducibili a Koch Industries e l’American Petroleum Institute per aver ingannato il pubblico sul tema scientifico del cambiamento climatico, al fine di proteggere i propri interessi aziendali.

Cosa è successo

Ellison sostiene che le compagnie summenzionate avrebbero violato le leggi del Minnesota che proibiscono la frode dei consumatori, le pratiche commerciali ingannevoli e la falsa pubblicità.

Il procuratore generale sta cercando di ottenere un’ingiunzione che impedisca ulteriori violazioni della legge, un risarcimento danni e un’ordinanza che imporrebbe alle compagnie citate in causa di finanziare una campagna di educazione pubblica sul cambiamento climatico.

Un portavoce di Exxon ha detto a WSJ: “questa causa fa parte di una campagna coordinata e motivata da ragioni politiche mossa contro le compagnie energetiche”. Il portavoce ha poi aggiunto: “Le affermazioni sono prive di fondamento e senza merito. Difenderemo la società in tribunale”.

Secondo Ellison, le sanzioni previste potrebbero ammontare a miliardi di dollari.

Perché è importante

Si sostiene che da molti anni gli esperti del clima interni alle singole compagnie petrolifere avrebbero avvertito i dirigenti sui pericoli legati al riscaldamento globale, ma che al contempo le compagnie si erano impegnate nel finanziamento di campagne di pubbliche relazioni che mentivano al pubblico su questi pericoli, ha riferito WSJ.

Le cause contro le compagnie energetiche stanno diventando sempre più comuni, e più di una dozzina di azioni legali sono già state intentate da stati, città e comuni negli USA.

A dicembre, un giudice dello stato di New York aveva respinto le denunce di frode nei confronti di Exxon, dopo che il procuratore generale di quello stato non era riuscito a dimostrare che la società avesse ingannato gli investitori sui costi delle normative inerenti ai cambiamenti climatici.

L’anno scorso, un grande azionista istituzionale britannico, Legal & General Investment Management, che gestisce 1,3 trilioni di dollari in azioni, ha dichiarato di aver disinvestito alcuni dei suoi fondi da Exxon proprio per la questione del cambiamento climatico.

Quest’anno per la prima volta la storica rivale di Exxon, Chevron Corporation (NYSE:CVX), è stata spinta dai suoi azionisti ad allinearsi all’accordo di Parigi sul clima.

Movimento dei prezzi

Mercoledì le azioni Exxon hanno chiuso in calo del 4,71%, a 44,50 dollari.