DocuSign acquisisce Liveoak per $38mld

L’accordo all-stock è stato fatto con la prospettiva di creare un servizio di autenticazione notarile da remoto

DocuSign, finalizzata l’acquisizione di Liveoak per mln
1' di lettura

Martedì DocuSign Inc. (NASDAQ:DOCU) ha annunciato di aver acquisito la piattaforma virtuale di business e di customer engagement Liveoak per 38 milioni di dollari, nell’ambito di un accordo “all-stock”.

Cosa è successo

L’acquisto arriva mentre l’azienda di firme elettroniche cerca di lanciare “DocuSign Notary”, un servizio di autenticazione notarile da remoto.

“DocuSign prevede di sfruttare la tecnologia e l’esperienza di Liveoak per accelerare il lancio di DocuSign Notary… in cui la tecnologia audiovisiva viene utilizzata per completare un atto notarile quando i firmatari e il notaio si trovano in luoghi diversi”, ha dichiarato la società con sede a San Francisco.

Liveoak utilizza una combinazione di videoconferenza, strumenti di collaborazione e verifica dell’identità per consentire agli utenti di completare a distanza le transazioni revisionabili, senza la necessità di una verifica personale dei documenti.

DocuSign Notary dovrebbe essere disponibile per l’accesso anticipato entro la fine dell’estate, secondo l’azienda. DocuSign ha già una partnership con Liveoak, nell’ambito della quale utilizza i prodotti della startup di Austin per consentire agli utenti di eseguire altri controlli virtuali.

Perché è importante

L’acquisizione arriva in un momento in cui la domanda per i servizi digitali ha registrato un’impennata record a causa della pandemia di COVID-19.

Le misure di isolamento imposte in tutto il mondo per frenare la diffusione del coronavirus hanno obbligato le aziende a operare da remoto, aumentando la domanda di servizi come DocuSign e altri strumenti di collaborazione, tra cui Slack Technologies Inc. (NYSE:WORK), Teams di Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT) e Zoom Video Communications Inc. (NASDAQ:ZM).

Martedì le azioni di DocuSign hanno chiuso in rialzo del 3,7%, a 197,79 dollari. Dall’inizio dell’anno, il titolo è cresciuto del 166,9%.