Novavax, ottimi dati dai partecipanti ai test di Fase 1

Il farmaco anti-Covid attualmente in fase di sviluppo dall’azienda di Gaithersburg avrebbe generato ‘risposte anticorpali robuste’ nei pazienti volontari

Novavax, ottimi dati dai partecipanti ai test di Fase 1
2' di lettura

Martedì Novavax, Inc (NASDAQ:NVAX) ha annunciato che il suo nuovo vaccino contro il coronavirus ha causato “risposte anticorpali robuste” nei partecipanti alla sperimentazione clinica di Fase 1.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

L’azienda con sede in Maryland ha dichiarato di aver effettuato i test di Fase 1 del suo vaccino NVX-CoV2373, con e senza l’adiuvante Matrix-M (marchio registrato e anch’esso prodotto da Novavax), in 131 adulti sani di età compresa fra i 18 e i 59 anni.

“Nel complesso il vaccino è stato ben tollerato e gli eventi di reattogenicità sono stati generalmente modesti”, ha osservato l’azienda.

Il candidato vaccino ha prodotto immunoglobuline G in tutti i soggetti dopo una singola dose da 5 µg, con molti di questi che hanno anche sviluppato risposte ‘wild-type’ anticorpali neutralizzanti. La società ha riferito che il 100% dei partecipanti ha poi sviluppato risposte wild-type dopo una seconda dose.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo Novavax l’uso dell’adiuvante è stato finalizzato al “risparmio delle dosi”, poiché una singola dose da 5 µg dell’adiuvante ha dato gli stessi risultati di una dose da 25 µg del vaccino.

John Moore, un virologo non coinvolto nello studio, ha dichiarato al New York Times che i risultati di Novavax sono i più promettenti che abbia mai osservato, dicendo: “Sì, ne terrei conto anch’io”.

Un altro virologo, Angela Rasmussen, ha concordato definendo i risultati “incoraggianti”, ma ha avvertito che è troppo presto per dire se il vaccino è sicuro e che bisogna prima aspettare la conclusione degli studi di Fase 3.

Perché è importante

Il governo degli Stati Uniti ha assegnato a Novavax 1,6 miliardi di dollari in finanziamenti per sostenere il vaccino, e secondo il suo amministratore delegato Stanley Erck la società ha la capacità di produrre 100 milioni di dosi entro la fine del 2020.

La società è in procinto di iniziare le spedizioni delle dosi nel quarto trimestre e mira a inviare altri 100 milioni di unità entro il primo trimestre del prossimo anno.

Anche i candidati vaccini di Johnson & Johnson (NYSE:JNJ), di Moderna Inc (NASDAQ:MRNA) e della partnership fra Pfizer Inc (NYSE:PFE) e BioNTech SE (NASDAQ:BNTX) sono in fase di sperimentazione clinica avanzata.

Movimento dei prezzi

Lunedì le azioni di Novavax hanno chiuso in rialzo di quasi lo 0,8%, a 157,17 dollari. Le azioni sono poi balzate del 9% nella sessione after-market.