Moderna, accordo di fornitura da $1,5mld con gli Stati Uniti

L’intesa servirà a fornire ai cittadini statunitensi 100 milioni di dosi di vaccino contro il coronavirus

Moderna, accordo di fornitura da ,5mld con gli Stati Uniti
2' di lettura

Martedì pomeriggio il titolo Moderna Inc (NASDAQ:MRNA) ha registrato un balzo in avanti dopo l’annuncio dell’accordo sulla fornitura di vaccini contro il coronavirus raggiunto con il governo degli Stati Uniti.

Cosa è successo Il governo USA si è assicurato 100 milioni di dosi di mRNA-1273 e le pagherà fino a 1,525 miliardi di dollari; contando anche il precedente conferimento di una cifra massima di 955 milioni di dollari da parte del BARDA per lo sviluppo di mRNA-1273, l’annuncio di oggi porta gli impegni del governo degli Stati Uniti per l’accesso anticipato al vaccino di Moderna ad una cifra massima di 2,48 miliardi di dollari.

“Apprezziamo la fiducia del governo degli Stati Uniti nella nostra piattaforma di vaccini a RNA messaggero e il loro continuo supporto”, ha affermato Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna. “Stiamo portando avanti lo sviluppo clinico di mRNA-1273 con lo studio di Fase 3 attualmente in corso, condotto in collaborazione con il NIAID e il BARDA”.

Cosa potrebbe succedere Nell’ambito dell’operazione Warp Speed, il governo degli Stati Uniti avrà anche la possibilità di acquistare fino a 400 milioni di dosi aggiuntive di mRNA-1273 da Moderna.

“Per l’operazione Warp Speed stiamo assemblando un ampio portafoglio di vaccini per aumentare le probabilità di avere almeno un vaccino sicuro ed efficace entro la fine di quest’anno”, ha detto il segretario del Dipartimento della salute e dei servizi umani USA, Alex Azar. “Con questo ultimo investimento, avremo supportato il candidato vaccino sviluppato da Moderna in collaborazione con l’Istituto nazionale di sanità USA per tutto il percorso, dallo sviluppo iniziale fino alle sperimentazioni cliniche e ora alla produzione”.

Perché è importante La notizia arriva lo stesso giorno in cui la Russia è diventata il primo Paese a confermare di avere un vaccino contro il coronavirus sicuro e per uso immediato. La Russia afferma che il vaccino ha superato tutti i controlli di salute e sicurezza necessari ed è stato somministrato a una delle figlie del presidente russo Vladimir Putin.

Alcuni esperti rimangono scettici, sottolineando che l’assenza di uno studio di Fase 3 fa pensare che l’ottimismo sia prematuro.

Nell’after-market le azioni Moderna sono balzate di circa l’8,3%, a 74,76 dollari.