Amazon, record di consegne negli USA nel mese di luglio

I dati sono stati forniti dalla società di consulenza ShipMatrix

Amazon, record di consegne negli USA nel mese di luglio
2' di lettura

A luglio Amazon.com Inc. (NASDAQ:AMZN) ha consegnato da sola due terzi dei suoi pacchi negli Stati Uniti, quasi 12 punti percentuali in più rispetto ai livelli del 2019 nonché record mensile di tutti i tempi per il colosso della vendita online, delle spedizioni e della logistica, secondo i dati della società di consulenza ShipMatrix.

Secondo ShipMatrix, Amazon ha anche superato l’ex partner FedEx Corp. (NYSE:FDX) nei volumi totali di luglio; il mese scorso Amazon ha gestito 415 milioni di spedizioni, mentre FedEx ne ha gestite 311 milioni, continua la società di consulenza. Il servizio postale degli Stati Uniti (USPS) ha gestito 701 milioni di spedizioni, mentre UPS Inc. (NYSE:UPS) ne ha gestite 481 milioni, secondo i dati.

Sul totale delle consegne di luglio di Amazon, 274 milioni di pacchi sono stati consegnati autonomamente, ha affermato ShipMatrix.

Nel secondo trimestre Amazon ha gestito 1,167 miliardi di spedizioni. Di questi, 712 milioni, o il 61%, sono stati consegnati autonomamente, ha detto ShipMatrix: si tratta di un aumento del 47,4% rispetto allo stesso trimestre del 2019.

Data l’impennata degli ordini di e-commerce a causa della pandemia di coronavirus, non sorprende che nel secondo trimestre, e fino a luglio, i quattro vettori summenzionati abbiano tutti registrato forti aumenti di volume a due cifre. I volumi trimestrali di Amazon sono cresciuti del 47,9% su base annua, mentre i volumi consegnati autonomamente sono aumentati di un’incredibile percentuale del 90,4%; i volumi di luglio sono aumentati di oltre il 45% su base annua, mentre nello stesso mese i volumi consegnati autonomamente sono aumentati di oltre il 75%, sempre secondo i dati.

Degli altri tre vettori, USPS ha registrato di gran lunga la crescita di volume più elevata durante entrambi i periodi; UPS è risultato secondo e FedEx terzo. Amazon è il maggiore cliente di UPS, mentre FedEx e Amazon non hanno rapporti negli Stati Uniti dopo che nel 2019 le società hanno risolto i loro contratti aerei e di terra.

Amazon non ha fatto mistero di aver aumentato il traffico di consegna autonoma. Tuttavia, l’enorme aumento della domanda negli ultimi quattro mesi ha dato all’azienda poca scelta se non quella di gestire un maggior numero di merci proprie, soprattutto perché anche gli altri vettori sono stati investiti da questo aumento della domanda.

Inoltre, Amazon non si è potuta rivolgere a FedEx come negli scorsi anni. A sua volta, i numeri di FedEx (i suoi volumi di consegna pacchi sono aumentati, rispettivamente nel secondo trimestre e nel mese di luglio, del 19,2% e del 21,5%) potrebbero essere stati determinati all’assenza del business con Amazon. Satish Jindel, fondatore e amministratore delegato di ShipMatrix, non ha voluto commentare subito i dati.

Foto di Bryan Angelo su Unsplash

Nessun Articolo da visualizzare