Epic Games contro Apple e Google per ‘concorrenza equa’

Giovedì la casa produttrice di videogiochi ha portato in tribunale i due colossi tech dopo l’esclusione del videogioco ‘Fortnite’ dai rispettivi store

Epic Games contro Apple e Google per una ‘concorrenza equa’
2' di lettura

Epic Games, la casa di videogiochi che ha sviluppato ‘Fortnite’, ha citato in giudizio sia Apple Inc (NASDAQ:AAPL) che Google, consociata di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOG), dopo che entrambe le piattaforme di app mobile hanno rimosso il popolare titolo dell’azienda dai rispettivi store per problemi di pagamento diretto.

Cosa è successo Nessuna delle due piattaforme consente l’accesso a “Fortnite” attraverso i loro mercati digitali.

La causa promossa da Epic afferma che Apple è diventata un “colosso che cerca di controllare i mercati, bloccare la concorrenza e soffocare l’innovazione”, secondo CNET.

“Apple è più grande, più potente, più radicata e più perniciosa dei monopoli del passato. Le dimensioni e la portata di Apple superano di gran lunga quelle di qualsiasi monopolista tecnologico nella storia”, ha detto lo sviluppatore del gioco.

Guarda anche: Epic Games porta Apple e Google in tribunale

Perché è importante Il mese scorso Apple è diventata la società quotata in Borsa dal maggior valore al mondo, superando persino la compagnia petrolifera saudita Saudi Aramco: Apple ha una valutazione di mercato di 1,9 trilioni di dollari.

Nella sua causa, Epic chiede “un provvedimento ingiuntivo per consentire una concorrenza leale in questi due mercati chiave, che interessano direttamente centinaia di milioni di consumatori e decine di migliaia, se non di più, di sviluppatori di app di terze parti”.

Google, come Apple, si prende una quota del 30% dalla fatturazione in-app. Sebbene si tratti di un esborso non dannoso per una grande azienda come Epic, le grandi quote di ricavi trattenute da aziende come Apple e Google hanno creato enormi barriere per gli sviluppatori indipendenti di videogiochi.

Emma Maassen, fondatrice di Kitsune Games, ha dichiarato su Twitter che se le aziende trattenessero soltanto il 12% dei ricavi, come fa Epic Games sul suo store, la sua casa di produzione non dovrebbe fare affidamento sul crowdfunding per sviluppare un nuovo titolo. Altri sviluppatori indipendenti hanno fatto eco allo stesso parere.

Cosa potrebbe succedere La battaglia continua tra Epic da una parte e Google ed Apple dall’altra ha creato un’enorme ondata di reazioni nella comunità dei giocatori.

“Epic sa che i giocatori hanno dimostrato che se riesci a farli arrabbiare abbastanza e a ottenere l’hashtag giusto di fronte a loro, questi possono essere efficacemente utilizzati come armi”, ha scritto Rebekah Valentine, autore senior di Gameindustry.biz.

Screenshot di “Fortnite” gentilmente concesso da Epic Games. 

Nessun Articolo da visualizzare