Venditore allo scoperto paragona Nikola a Theranos

Il report di Hindenberg Research definisce l’azienda produttrice di auto elettriche “un’intricata frode costruita su dozzine di bugie”

Venditore allo scoperto paragona Nikola a Theranos
4' di lettura

Pochi giorni dopo che la conferma di una nuova partnership con la General Motors Company (NYSE:GM) ha fatto impennare le azioni di Nikola Corporation (NASDAQ:NKLA), Hindenberg Research, società di ricerca finanziaria nonché short seller di Nikola, ha pubblicato un nuovo rapporto accusando la società di essere “un’intricata frode costruita su dozzine di bugie”.

Hindenburg avrebbe parlato con un ex dipendente di Nikola, il quale avrebbe dichiarato che il video YouTube dell’azienda intitolato “Nikola One in Motion” è stato prodotto per mostrare un camion Nikola che guida lungo una strada deserta, ma in realtà nel video il camion è stato rimorchiato in cima a un collina e poi lasciato andare. Il video mostrerebbe il camion che viaggia una volta raggiunta l’accelerazione determinata dal rotolamento giù per la collina.

“Anche se la società non ha dichiarato espressamente che il camion si muoveva con le proprie forze, ne era una chiara implicazione”, ha scritto Hindenburg nel rapporto.

Collaborazione bloccata l’anno scorso Nell’ottobre 2019 Nikola aveva annunciato una “rivoluzionaria tecnologia per batterie” dopo aver firmato una lettera di intenti con ZapGo, ma a febbraio Nikola ha formalmente concluso il suo accordo con ZapGo. Hindenburg ha spiegato che alla fine l’accordo è fallito quando Nikola ha capito che la tecnologia per batterie di ZapGo era un “vaporware” (ovvero un prodotto che non sarebbe mai uscito) e che lo stesso presidente di ZapGo era stato incriminato per frode fiscale.

“Quella rivoluzionaria tecnologia per batterie non è mai esistita – ora Nikola prevede invece di utilizzare la tecnologia per batterie di GM”, ha detto Hindenburg.

La società di ricerca cita anche un portavoce di Powercell AB che sostiene che la batteria di Nikola e le affermazioni sulle celle a combustibile a idrogeno siano “aria fritta”.

La vera motivazione di GM Hindenburg ha infatti affermato che la nuova partnership di Nikola con GM significa che Nikola utilizzerà sia la produzione che le capacità delle celle a combustibile dello storico marchio di Detroit.

“Nikola non sembra aver portato nulla alla collaborazione se non i concept design, il loro marchio e fino a 700 milioni di dollari che dovranno pagare a General Motors per i costi relativi alla produzione”, ha affermato Hindenburg.

In effetti, Hindenburg ha dichiarato che uno dei fattori principali dietro alla partnership di GM con Nikola non è la tecnologia dell’azienda; GM è stata infatti sotto pressione dall’inizio dell’anno da parte di analisti e azionisti a causa della frenesia di Wall Street per acquistare titoli con una storia nel settore dei veicoli elettrici, come Tesla Inc (NASDAQ:TSLA).

“Crediamo che la casa automobilistica tradizionale [GM] cerchi semplicemente di legare il nome storico della General Motors al carismatico fondatore e presidente esecutivo di Nikola, Trevor Milton”, ha spiegato la società di ricerca, aggiungendo che GM potrebbe vedere Milton come la risposta a Elon Musk.

Nikola: un altro Theranos? Come Musk, anche Milton è stato criticato per aver fatto affermazioni che sono al massimo ottimistiche; gli analisti di Hindenburg hanno infatti sottolineato che Milton è stato costretto ad ammettere che le sue affermazioni, secondo cui Nikola starebbe già producendo idrogeno con un risparmio dell’81% rispetto ai rivali, non erano vere.

Hindenburg ha anche criticato Milton per aver nominato suo fratello Direttore della Produzione/Infrastruttura dell’Idrogeno di Nikola, nonostante non avesse esperienza manageriale.

Hindenburg afferma inoltre che Nikola ha intenzionalmente nascosto il fatto che utilizza componenti di terze parti per i suoi veicoli, utilizzando persino del nastro adesivo per nascondere i nomi dei fornitori; la società di short selling sostiene che diverse altre affermazioni fatte da Milton, e le dimostrazioni effettuate dalla società, siano state di natura ingannevole.

In conclusione, Hindenburg paragona Nikola alla frode tecnologica per gli esami del sangue Theranos, che aveva siglato accordi di collaborazione con diverse aziende di alto profilo.

“Ciò che è notevole della storia di Nikola non è che esista uno come Trevor Milton, ma che sia riuscito a raccontare le sue storie e che abbia stretto accordi con alcuni dei migliori produttori e partner del mondo, affermando di possedere una vasta tecnologia e avendo costruito prodotti rivoluzionari che semplicemente non esistono”, ha concluso Hindenburg.

La risposta di Milton Milton si è rivolto agli autori del report in un tweet di giovedì mattina.

“Nell’ultimo giorno o due sono state shortate decine di milioni di azioni da Hindenburg per colpire il nostro titolo e creare una montatura”, ha detto Milton. “Immagino che in guerra sia concesso tutto, anche creare una montatura. Ora so chi l’ha finanziata. Datemi qualche ora per mettere insieme le risposte alle loro bugie. Questo è tutto ciò che avete?”

Il punto di vista di Benzinga Anche se le affermazioni di Hindenburg secondo cui Nikola è tutto fumo e niente arrosto fossero vere, bisogna dire che i venditori allo scoperto hanno fatto le stesse affermazioni su Tesla per anni; tuttavia gli analisti di Hindenburg potrebbero avere ragione sul fatto che GM vede che in questo periodo il vero valore nel settore dei veicoli elettrici è legato al marchio piuttosto che alla tecnologia effettiva, e che Milton è semplicemente la risposta di General Motors a Elon Musk.

Link correlati

Tesla, a settembre gli short seller guadagnano $7,1mld