AstraZeneca e GSK: accesso prioritario al ‘Cambridge-1’ di Nvidia

Saranno le prime due aziende produttrici di vaccini a poter accedere per la prima volta al supercomputer di Nvidia

AstraZeneca e GSK: accesso prioritario al ‘Cambridge-1’ di Nvidia
2' di lettura

Lunedì Nvidia Corporation (NASDAQ:NVDA) ha dichiarato che sta lavorando per costruire il supercomputer più potente del Regno Unito, che poi verrà fornito ai ricercatori del settore sanitario che lavorano al COVID-19.

Cosa è successo Secondo quanto comunicato dalla stessa compagnia, il ‘Cambridge-1’ dovrebbe essere disponibile entro la fine del 2020 e si prevede che si classifichi al posto numero 29 nella lista TOP500 dei supercomputer più potenti al mondo.

Il supercomputer è alimentato da 80 sistemi NVIDIA DGX A100 collegati da un sistema di rete proprietario; la società con sede a Santa Clara, in California, ha dichiarato che investirà 51,7 milioni di dollari sul Cambridge-1.

AstraZeneca Plc (NYSE:AZN) e GlaxoSmithKline Plc (NASDAQ:GSK) saranno le prime aziende farmaceutiche a poter utilizzare Cambridge-1.

“Affrontare le sfide più urgenti del mondo nel settore sanitario richiede risorse di elaborazione estremamente potenti per sfruttare le capacità dell’intelligenza artificiale”, ha affermato Jensen Huang, amministratore delegato di Nvidia.

Il dott. Hal Barron, direttore scientifico di GlaxoSmithKline, ha accolto con entusiasmo il fatto che ora saranno disponibili tecnologie avanzate per aiutare gli eminenti scienziati del Regno Unito, e ha descritto l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico come un “nuovo microscopio”.

“L’impiego di big data, supercomputer e intelligenza artificiale ha il potenziale di trasformare la ricerca e lo sviluppo”, ha affermato James Weatherall, responsabile del comparto di scienza dei dati e intelligenza artificiale di AstraZeneca.

Perché è importante Nvidia ha affermato che le principali aziende farmaceutiche, così come altre, hanno in programma di utilizzare il nuovo supercomputer sia per progetti singoli che congiunti, compresi quelli relativi ai vaccini.

La società produttrice di schede video ha spiegato che aiuterà i ricercatori a trarre vantaggio da NVIDIA Clara Discovery, un insieme di strumenti ottimizzati per NVIDIA DGX, al fine di sviluppare applicazioni di intelligenza artificiale per le grandi attività computazionali necessarie nel settore sanitario.

AstraZeneca, Pfizer, Johnson & Johnson (NYSE:JNJ), Moderna Inc (NASDAQ:MRNA) e Novavax, Inc (NASDAQ:NVAX) sono alcune delle società produttrici di farmaci che stanno conducendo sperimentazioni sull’uomo di fase avanzata per i vaccini anti COVID-19.

Il mese scorso Nvidia ha annunciato l’acquisto del gruppo produttore di chip Arm da SoftBank Group Corp (OTC:SFTBY) per 40 miliardi di dollari.

L’accordo è all’esame del governo del Regno Unito, che ne sta valutando l’impatto attuale e futuro.

Movimento dei prezzi Lunedì le azioni Nvidia hanno chiuso in verde, con un rialzo di quasi il 4,4%, a 545,70 dollari, per poi perdere lo 0,35% nell’after-market.

Foto per gentile concessione di Nvidia