Trump lascia l’ospedale e invita a non aver paura del Covid

Il presidente USA ha dichiarato: “non abbiate paura” del COVID-19; nel frattempo negli Stati Uniti il numero di vittime legato al coronavirus sale a 210.000

Trump lascia l’ospedale e invita a non aver paura del Covid
3' di lettura

Venerdì il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato portato al Walter Reed Medical Center per curarsi a seguito della diagnosi di coronavirus.

Mentre era al Walter Reed, Trump ha ricevuto diversi tipi di cura, fra cui un trattamento sperimentale a base di anticorpi prodotto da Regeneron Pharmaceuticals (NASDAQ:REGN) e il Remdesivir, antivirale realizzato da Gilead Sciences (NASDAQ:GILD).

Lunedi pomeriggio Trump ha twittato che la sera sarebbe tornato alla Casa Bianca, mentre la CNN riferisce di alcuni assistenti che lo incoraggiavano a rimanere in ospedale.

Alla data del 4 ottobre, oltre 209.000 americani sono morti per il COVID-19 o per complicazioni legate al virus.

Cosa è stato detto lunedì I medici del Walter Reed hanno dichiarato di aver somministrato a Trump tre trattamenti a base di Remdesivir, e che hanno in programma di dargli il quarto prima che lasci l’ospedale; sono anche stati elaborati dei piani per somministrare a Trump il suo quinto trattamento alla Casa Bianca.

Il medico di Trump, Sean Conley, afferma che il presidente ha soddisfatto tutti i “parametri per essere dimesso” ma che “non è ancora fuori pericolo”; Trump continuerà a prendere il desametasone, uno steroide con effetti collaterali somministrato ad alcuni pazienti severamente colpiti dal COVID-19.

Perché è importante Il trattamento di Trump da parte di Regeneron e Gilead ha messo sotto i riflettori i titoli delle due aziende; il tweet del presidente evidenzia che durante la sua amministrazione sono stati sviluppati “alcuni farmaci davvero eccezionali”.

Lunedì l’amministratore delegato di Regeneron, il dott. Leonard Schleifer, era alla CNBC per evidenziare il ruolo della sua società nella cura di Trump.

“Pensiamo che somministrare quell’anticorpo abbia molto senso perché sta facendo semplicemente quello che dovrebbe fare il sistema immunitario ma che non ha ancora fatto del tutto”, ha spiegato l’AD dell’azienda.

Schleifer si è detto “fiero” che lo staff del presidente abbia richiesto il trattamento a Regeneron.

Secondo Schleifer, questo trattamento aiuta ad “eliminare il virus” dal corpo e aiuta il sistema immunitario a combattere le prime fasi dell’infezione.

Cosa potrebbe succedere Nell’ultima settimana ben tredici persone nella cerchia ristretta di Trump sono risultate positive, incluso la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, la cui positività è stata annunciata lunedì; altre includono Melania Trump, Hope Hicks, Nicholas Luna, Chris Christie, Mike Lee, Thom Tillis, Ron Johnson, Kellyanne Conway, Chad Gilmartin, Karoline Leavitt, Bill Stepien e Ronna McDaniel.

Al momento della pubblicazione, le azioni di Regeneron erano in rialzo dell’8%, a 609,94 dollari; le azioni di Gilead Sciences hanno avuto un aumento del 3%, a 63,81 dollari.

NdR: Trump è stato visto mentre lasciava l’ospedale intorno alle 18.30 ET.

Il presidente Donald J. Trump saluta i sostenitori all’uscita dal Walter Reed National Military Medical Center domenica 4 ottobre 2020, a Bethesda, Md. (Foto ufficiale della Casa Bianca di Tia Dufour)