10 titoli in movimento nell’after-hours di ieri, 13 ottobre

Il movimento dei titoli, al rialzo e al ribasso, nella sessione seguente alla chiusura dei mercati di ieri

Sedute USA
2' di lettura

Titoli in rialzo

  • Le azioni di Bed Bath & Beyond (NASDAQ:BBBY) hanno avuto un rialzo dopo che la società ha annunciato che intende vendere le sue attività non essenziali.
  • Le azioni di Allscripts Healthcare Solutions (NASDAQ:MDRX) sono salite dopo che la compagnia ha annunciato l’esecuzione di un accordo definitivo per vendere la propria attività CarePort Health a WellSky per 1,35 miliardi di dollari.
  • Le azioni di GameStop (NYSE:GME) hanno registrato un incremento dopo che Senvest Management ha reso nota una nuova partecipazione passiva del 5,54% nella società.
  • Le azioni Genesis Healthcare (NYSE:GEN) sono cresciute dopo che l’azienda ha riferito che la sua controllata LTC ACO ha ottenuto riconciliazione e accordo positivi nell’ambito del Medicare Shared Savings Program.
  • Le azioni di VOXX International (NASDAQ:VOXX) sono in rialzo dopo che la società ha registrato nel secondo trimestre un utile di 0,30 dollari per azione, in rialzo su base annua dai -0,24 dollari per azione, e risultati di vendita del secondo trimestre superiori alle attese.

Titoli in ribasso

  • Le azioni di Ocular Therapeutix (NASDAQ:OCUL) hanno avuto un calo dopo che la società ha annunciato una proposta di offerta pubblica di azioni ordinarie.
  • Le azioni di Alphatec (NASDAQ:ATEC) sono in diminuzione dopo che la società ha annunciato un’offerta di azioni ordinarie da 85 milioni di dollari.
  • Le azioni IBio (NASDAQ:IBIO) hanno osservato una perdita dopo che la società ha registrato nell’anno fiscale 2020 vendite per circa 1,6 milioni di dollari, contro i 2 milioni dell’anno fiscale 2019.
  • Le azioni di Enzo Biochem (NYSE:ENZ) sono in discesa dopo che l’azienda ha riportato risultati di vendita del quarto trimestre peggiori del previsto.
  • Le azioni di Royalty Pharma (NASDAQ:RPRX) sono in ribasso dopo che la società ha annunciato un’offerta secondaria di circa 17,3 milioni di azioni ordinarie di Classe A da parte degli azionisti venditori.