Mercati globali, fine del rally trainato dal vaccino

Listini mondiali sostanzialmente in calo nella giornata di venerdì 13 novembre 2020

Mercati globali, fine del rally trainato dal vaccino
2' di lettura

Le azioni in Asia ed Europa sono in calo questo venerdì, in scia alla flessione fatta registrare ieri da Wall Street, quando i mercati hanno iniziato a scrollarsi di dosso il rialzo dettato dalla notizia del vaccino Pfizer; all’ultimo controllo, i futures sull’indice Dow Jones presentano un timido rialzo dello 0,10% mentre quelli sull’S&P 500 sono in aumento dello 0,25%.

I futures sul greggio WTI sono crollati dell’1,5%, a 40,50 dollari, mentre si difendono quelli sull’oro, in rialzo dello 0,24% a 1.877,80 dollari; il rendimento dei Treasury decennali è sceso di 1 punto base allo 0,875%, mentre i trader si rifugiano nella sicurezza rappresentata dalle obbligazioni mentre continuano ad aumentare i casi di COVID-19.

Asia: l’indice giapponese Nikkei è sceso dello 0,53%, interrompendo la sua scia di guadagni di otto sessioni consecutive. Venerdì l’indice cinese Shanghai Composite è sceso dello 0,86%, in calo per il quarto giorno consecutivo; il rosso è arrivato dopo i timori di insolvenza delle obbligazioni societarie e il divieto dell’amministrazione Trump di investire in società legate all’esercito cinese.

L’indice Hang Seng di Hong Kong registra una leggera flessione (-0,04%); nel terzo trimestre, il PIL di Hong Kong è sceso su base annua del 3,5%, un dato leggermente migliore rispetto alle stime di consenso di -3,4%.

Sempre nella giornata di venerdì, l’indice australiano S&P/ASX 200 ha perso lo 0,20%, dopo che i titoli delle aziende di estrazione dell’oro hanno registrato un rally, più che compensato però dalle perdite nei titoli energetici, immobiliari e dei beni di consumo.

L’indice sudcoreano Kospi ha guadagnato lo 0,74% grazie a Samsung Electric che ha raggiunto un nuovo massimo.

Il Nifty 50 indiano è in rialzo dello 0,11%, mentre gli investitori sono in attesa dei dati economici sulla bilancia commerciale e sulle riserve in valuta estera.

Europa: l’Euro Stoxx 50 è in ribasso di appena lo 0,04%; è previsto un fitto calendario per l’UE oggi: si aspettano infatti la pubblicazione dei dati sul PIL, occupazione e bilancia commerciale.

L’indice FTSE 100 di Londra è in rosso dello 0,65%, guidato dalle perdite nei titoli energetici, industriali e dei servizi; nella tarda serata di oggi interverrà Andrew Bailey, governatore della Banca d’Inghilterra.

Al momento della pubblicazione, l’indice tedesco DAX perde lo 0,18%, dopo che l’indice dei prezzi all’ingrosso di ottobre è sceso su base annua dell’1,9%.

L’indice francese CAC 40 sale (+0,04%), dopo un calo dell’1,5% osservato giovedì; ad ottobre l’indice dei prezzi al consumo in Francia è rimasto stabile su base annua.

L’indice spagnolo IBEX 35 guadagna lo 0,43%, dopo che ad ottobre l’indice dei prezzi al consumo è sceso su base annua dello 0,8% ma è incrementato su base mensile dello 0,5%, in linea con le stime di consenso.

Trading sul forex: i futures sull’indice del dollaro USA sono in ribasso dello 0,04%, a 92,922; il dollaro si è indebolito dello 0,08% contro l’euro a 1,1814 dollari, dello 0,26% contro la sterlina a 1,3148 dollari, ma è rimasto invariato rispetto allo yen giapponese a 105,12 yen.