I CEO di Facebook e Twitter convocati dal Senato USA

Gli amministratori delegati delle due aziende di social media dovranno difendere il modo in cui hanno gestito le elezioni presidenziali USA

I CEO di Facebook e Twitter convocati dal Senato USA
1' di lettura

Martedì, l’amministratore delegato di Facebook, Inc (NASDAQ:FB) Mark Zuckerberg e quello di Twitter Inc (NYSE:TWTR) Jack Dorsey testimonieranno davanti a un panel del Senato degli Stati Uniti per difendere la gestione della disinformazione sulle loro piattaforme durante le elezioni presidenziali, come riferisce l’Associated Press.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo: l’udienza al Congresso di martedì sarà la seconda comparizione virtuale per gli AD delle aziende in meno di tre settimane.

I Repubblicani hanno accusato le grandi aziende tecnologiche di mettere a tacere le voci conservatrici, mentre i Democratici non sono contenti della gestione da parte de i colossi social in materia di disinformazione e incitamento all’odio.

L’udienza arriva mentre il presidente uscente Donald Trump continua a contestare i risultati delle elezioni, senza però fornire prove sostanziali a suo favore; sia Twitter che Facebook hanno etichettato le affermazioni di Trump sul tema della frode elettorale come disinformazione.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Il presidente del comitato giudiziario, il senatore Lindsey Graham (Repubblicano per lo stato del South Carolina), è uno stretto alleato di Trump e ha esortato il presidente uscente a non concedere la vittoria e a combattere duramente.

Perché è importante: Twitter ha etichettato 300.000 tweet elettorali, inclusi più di 50 di Trump, come “potenzialmente fuorvianti”, mentre Facebook ha bandito un grande gruppo chiamato “Stop the Steal”, che i sostenitori di Trump stavano utilizzando per organizzare proteste contro il conteggio dei voti, come riferisce l’AP.

L’audizione di martedì si concentrerà sul comportamento di Facebook e Twitter in merito alle elezioni.

Cortesia dell’immagine: Wikimedia