Prima dell’apertura di Wall Street, 25/11/2020

Un’occhiata ai mercati: futures USA contrastanti, si attendono i report sull’economia

Sedute USA
Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi risultano contrastati, dopo che nella sessione precedente l’indice Dow Jones è salito per la prima volta sopra i 30.000 punti sulle speranze del lancio di un vaccino contro il COVID-19 e sull’avvio del procedimento di transizione dei poteri verso Joe Biden, accettato dal presidente uscente Donald Trump. Gli investitori sono in attesa dei rapporti sugli utili di Deere & Company (NYSE:DE).

I dati sugli ordini di beni durevoli per ottobre, la crescita del PIL per il terzo trimestre, il commercio internazionale di beni per ottobre, le richieste iniziali di sussidio di disoccupazione e gli inventari all’ingrosso per ottobre saranno pubblicati alle 8:30 ET; il nuovo rapporto sulle vendite di case per ottobre, l’indice del sentiment dei consumatori dell’Università del Michigan e i dati sul reddito personale per ottobre saranno pubblicati alle 10:00 ET; infine, il Federal Open Market Committee pubblicherà i verbali della sua ultima riunione alle 14:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno perso 41 punti, attestandosi a 29.957, mentre quelli sull’S&P 500 sono in diminuzione di 1,75 punti, a quota 3.631. I futures sul Nasdaq sono in rialzo di 34,25 punti, a 12.110,25.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 12.591.160 contagi e circa 259.920 vittime; intanto l’India ha confermato almeno 9.222.210 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 6.118.700 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono saliti, coi futures sul Brent in aumento dello 0,8%, a 46,42 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un rialzo dell’1%, a 43,47 dollari al barile. Il rapporto settimanale dell’Energy Information Administration sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti verrà pubblicato alle 10:30 ET, mentre i dati settimanali dell’EIA sulle scorte di gas naturale in stoccaggio sotterraneo saranno resi noti alle 12:00 ET; infine, il rapporto Baker Hughes sul conteggio degli impianti nell’area nordamericana per la scorsa settimana sarà diffuso alle 13:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei sono perlopiù invariati: l’indice spagnolo Ibex scende dello 0,1%, così come lo STOXX Europe 600; l’indice francese CAC 40 è in aumento dello 0,3%, il tedesco DAX 30 segna +0,1% e il FTSE 100 di Londra è in rialzo dello 0,3%. Ad ottobre i prezzi alla produzione in Spagna sono diminuiti su base annua del 4,1%, contro un calo del 3,3% nel mese precedente.

I listini asiatici risultano contrastati: l’indice giapponese Nikkei ha guadagnato lo 0,5%, il cinese Shanghai Composite ha perso l’1,19%, l’Hang Seng di Hong Kong ha avuto un aumento dello 0,31%, l’indiano BSE Sensex è sceso dell’1,3% e l’australiano S&P/ASX 200 ha guadagnato lo 0,6%. Nel terzo trimestre, la produzione edilizia totale in Australia è diminuita su base trimestrale del 2,6%.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di Morgan Stanley hanno declassato Ford Motor Company (NYSE:F) da Overweight a Equal-Weight e hanno annunciato un prezzo obiettivo di 9 dollari.

Negli scambi pre-market le azioni Ford sono arretrate dell’1,3%, a 9,33 dollari.

Ultime notizie

  • HP Inc (NYSE:HPQ) ha riportato risultati migliori del previsto per il quarto trimestre e ha pubblicato una forte previsione di profitto per il trimestre in corso.
  • Gap Inc (NYSE:GPS) ha riportato utili inferiori alle previsioni per il terzo trimestre, mentre le vendite hanno superato le aspettative degli analisti.
  • Martedì Dell Technologies Inc (NYSE:DELL) ha registrato utili positivi per il terzo trimestre.
  • Le app per lo shopping online di Alibaba Group Holding Ltd (NYSE:BABA), insieme ad altre 43 app cinesi, sono state bloccate in India, come riferito martedì da Bloomberg.