Charlie Munger mette in guardia dalla frenesia di mercato

Lo storico socio di Warren Buffett alla Berkshire Hathaway prevede inoltre per i prossimi dieci anni rendimenti azionari inferiori agli ultimi dieci  

Charlie Munger mette in guardia dalla frenesia di mercato
2' di lettura

Charlie Munger, vicepresidente di Berkshire Hathaway Inc (NYSE:BRK-A) (NYSE:BRK-B), ha parlato dell’attuale “frenesia” del mercato, in occasione di un evento virtuale tenuto dal California Institute of Technology. 

Cosa è successo: Munger ha affermato che ci sono troppe persone coinvolte in frenetiche attività nel campo degli investimenti; non gli piace l’idea che vengano tutti risucchiati dalla finanza e che si arricchiscano superando in astuzia il resto del mondo con gli strumenti finanziari. 

Munger prevede che nei prossimi dieci anni i rendimenti di mercato saranno inferiori rispetto a quelli degli ultimi dieci: “la frenesia è così grande, e i sistemi di gestione, i sistemi di ricompensa, sono così stupidi”, ha aggiunto.

Munger ha anche messo in guardia contro le aggressive politiche di allentamento monetario: “siamo in acque molto inesplorate; nessuno è riuscito a cavarsela con il tipo di stampa di denaro che c’è ora per un periodo molto lungo senza avere dei problemi”. Il socio di Warren Buffet crede che il mercato sia “sul punto di giocare col fuoco”.

Munger ha aggiunto che una politica monetaria espansiva avrebbe effetti inflazionistici: “quando ero bambino, ricordo di aver cenato a Omaha con cinque portate a base di filet mignon per 60 centesimi. Il mondo è davvero cambiato”, ha scherzato. 

Munger ha definito la tecnologia al contempo “un assassino e un’opportunità”; commentando il recente aumento di valore delle società tecnologiche, Munger ha affermato di non aver mai visto nulla di simile.

Munger ha paragonato Apple Inc (NASDAQ:AAPL) all’impero di John D Rockefeller: “è stata la cosa più drammatica che sia mai successa nell’intera storia mondiale della finanza”.  

Da un lato, i cambiamenti tecnologici hanno un impatto sulle imprese, ma dall’altro Berkshire possiede la ferrovia Burlington Northern; Munger ha dichiarato che la ferrovia è l’attività più antiquata a cui possa pensare e che ha avuto successo “non conquistando il cambiamento, ma evitandolo”.

Munger ha anche elogiato il record della società di venture capital Sequoia Capital nell’azzeccare gli investimenti nel settore tech, aggiungendo che Sequoia ha fatto più soldi di chiunque altro.