Pinduoduo, trarrà vantaggio dai problemi di Alibaba?

Il colosso dell’e-commerce fondato da Jack Ma è attualmente afflitto da questioni normative con le autorità cinesi

Pinduoduo, “principale beneficiario” dei problemi di Alibaba?
2' di lettura

Pinduoduo Inc (NASDAQ:PDD) e JD.com, Inc (NASDAQ:JD) potrebbero trarre vantaggio dai procedimenti di carattere antitrust in atto contro Alibaba Group Holding Ltd (NYSE:BABA) in Cina, secondo Hans Chung, analista di KeyBanc Capital Markets.

Cosa è successo: “riteniamo che PDD possa essere il principale beneficiario delle indagini, e che JD possa essere quello secondario”, ha detto Chung in una nota.

L’indagine cinese è per lo più incentrata sugli accordi di carattere esclusivo con gli esercenti sulla piattaforma Tmall, i quali vietano loro di aprire negozi su piattaforme rivali, come ha osservato l’analista.

Qualora la pratica sleale venisse eliminata, Pinduoduo potrebbe trarne vantaggio, “visto che la portata dei suoi clienti e [il ritorno sull’investimento] sono attraenti per i commercianti”.

“Non solo un rialzo in termini di [valore lordo della merce], la scelta potrebbe anche comportare una riduzione delle spese di vendita e di marketing o un tasso di acquisizione più elevato, poiché [Pinduoduo] potrebbe non aver bisogno di attirare gli esercenti sulla piattaforma tramite sussidi o incentivi al traffico”, ha proseguito l’esperto.

Per quanto riguarda JD, l’analista ritiene che l’azione normativa potrebbe essere vantaggiosa per la categoria abbigliamento, ma che il vantaggio “potrebbe essere limitato” a causa dei profili dei clienti dell’azienda e della natura della piattaforma, più simile a un retailer che a un centro commerciale.

Chung ha assegnato alle azioni JD un target price di 355 dollari e ha fornito una valutazione Overweight.

Perché è importante: quanto alle ricadute per la stessa Alibaba, l’analista di KeyBanc non prevede “cambiamenti significativi nel panorama competitivo” e considera le preoccupazioni sul tema “esagerate”.

Chung ha affermato che l’arretramento delle azioni osservato da novembre ha dato luogo ad un punto di ingresso interessante per “un’opportunità a lungo termine” sul titolo Alibaba.

Nella sua nota, l’esperto di KeyBanc ha affermato che nel caso Alibaba saranno le multe – e non uno scioglimento – il “risultato più probabile” dell’indagine, insieme a un maggiore controllo sull’attività aziendale.

Sulla base dei requisiti di rettifica imposti dalle autorità di regolamentazione cinesi, viene tuttavia segnalato uno scioglimento di Ant Group, secondo Chung.

Lunedì, al momento della pubblicazione, le azioni Alibaba hanno avuto un ribasso di quasi l’8% a Hong Kong, dopo che la società ha annunciato l’intenzione di aumentare la soglia di buyback di altri 4 miliardi di dollari, portando così il limite di riacquisto di azioni proprie a 10 miliardi entro la fine del 2022.

Movimento dei prezzi: giovedì, a New York, le azioni di Alibaba hanno chiuso con un tonfo del 13,34%, a 222 dollari.

Lo stesso giorno, le azioni Pinduoduo hanno chiuso in rialzo di quasi l’8,9% a 152,75 dollari, e nell’after-market hanno poi guadagnato un altro 0,66%; le azioni JD hanno chiuso con una flessione dell’1,14% a 84,49 dollari e nella sessione after-hour sono poi scese dello 0,22%.

Foto: per gentile concessione di Alibaba