Pre-market: calo futures USA dopo sell-off di giovedì

Un’occhiata ai mercati; si attendono gli utili trimestrali di Foot Locker, Public Service Enterprise, Carter’s e Fluor Corporation

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi sono per lo più in ribasso dopo che nella sessione precedente l’indice Dow Jones ha avuto un tonfo di oltre 550 punti a causa dell’aumento dei rendimenti obbligazionari. Gli investitori sono in attesa dei risultati degli utili di Foot Locker, Inc. (NYSE:FL), Public Service Enterprise Group Inc. (NYSE:PEG), Carter’s, Inc. (NYSE:CRI) e Fluor Corporation (NYSE:FLR).

I dati sul commercio internazionale di merci, il reddito personale, le spese per i consumi e le scorte all’ingrosso degli Stati Uniti per gennaio saranno pubblicati alle ore 8:30 ET. Il dato di febbraio dell’indice Chicago PMI verrà comunicato alle 9:15 ET, mentre la lettura finale dell’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan per il mese di gennaio sarà resa nota alle 10:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno perso 43 punti, attestandosi a 31.328, mentre quelli sull’S&P 500 registrano un aumento di 0,75 punti quota 3.828,75; i futures sul Nasdaq sono in ribasso di 18 punti, a 12.813,75.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 28.413.370 contagi e circa 508.300 vittime; intanto l’India ha confermato almeno 11.063.490 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 10.390.460 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono scesi, coi futures sul Brent in calo dello 0,8% a 65,61 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un ribasso dello 0,6% a 63,15 dollari al barile. La scorsa settimana le forniture di gas naturale degli Stati Uniti sono diminuite di 338 miliardi di piedi cubici, secondo quanto comunicato giovedì dall’Energy Information Administration. Il resoconto Baker Hughes sul conteggio delle trivellazioni nell’area nordamericana per la scorsa settimana verrà diffuso alle ore 13:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei sono quasi tutti in rosso: l’indice spagnolo Ibex sale dello 0,6%, lo STOXX Europe 600 perde lo 0,4%, l’indice francese CAC 40 arretra dello 0,3%, l’indice tedesco DAX 30 fa segnare -0,1% e il FTSE 100 di Londra lascia sul terreno lo 0,3%. Durante il periodo fra ottobre e dicembre 2020 il prodotto interno lordo della Francia si è contratto dell’1,4% sul trimestre precedente; a gennaio i prezzi all’importazione in Germania sono diminuiti dell’1,2% su base annua; a dicembre l’avanzo delle partite correnti della Spagna si è ridotto a 0,73 miliardi di euro da 2,2 miliardi nello stesso periodo dell’anno scorso, mentre a febbraio i prezzi al consumo della nazione sono rimasti invariati su base annua.

I listini asiatici sono per lo più in calo: l’indice giapponese Nikkei ha avuto un tonfo del 3,99%, il cinese Shanghai Composite ha fatto segnare -2,12%, l’Hang Seng di Hong Kong ha perso il 3,64% e l’indiano BSE Sensex ha lasciato sul terreno il 4,1%; l’indice australiano S&P/ASX 200 ha osservato un aumento dello 0,8%. A gennaio l’avvio di nuove abitazioni in Giappone ha visto una flessione del 3,1% su base annua; sempre a gennaio, la produzione industriale del Paese è cresciuta del 4,2% mentre le vendite al dettaglio sono diminuite del 2,4% su base annua.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di Raymond James hanno declassato Best Buy Co., Inc. (NYSE:BBY) da Strong Buy ad Outperform e hanno ridotto il target price da 150 a 120 dollari.

Nel pre-market le azioni Best Buy hanno registrato un incremento dell’1% a 103,94 dollari.

Ultime notizie

  • Giovedì Dell Technologies Inc (NYSE:DELL) ha riportato risultati del quarto trimestre migliori del previsto.
  • Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) Tesla ha temporaneamente interrotto la produzione nella sua fabbrica di Fremont a causa della carenza di componenti, come comunicato dall’amministratore delegato Elon Musk.
  • salesforce.com, inc. (NYSE:CRM) ha riportato risultati ottimali per il quarto trimestre e ha emesso una solida guidance per il trimestre attuale ma previsioni deboli sugli utili per l’intero anno 2022.
  • Groupon Inc (NASDAQ:GRPN) ha riportato risultati superiori alle attese per il quarto trimestre.