Fisker, Lidar, Virgin: i report degli utili di tre ex SPAC

Tutto quello che gli investitori devono sapere sulle tre aziende che si sono quotate in Borsa tramite fusione con società veicolo

Fisker, Lidar, Virgin: i report degli utili di tre ex SPAC
3' di lettura

Uno dei settori più caldi per gli investitori nel 2020 è stato quello delle SPAC; con la storia di investimento delle società veicolo che prosegue anche quest’anno, un tema importante da monitorare per investitori e analisti sono i report degli utili trimestrali delle società recentemente fuse via SPAC.

Alcune fusioni SPAC coinvolgono società pre-ricavi, dunque può essere importante monitorare le tempistiche indicate da un’azienda e la tabella di marcia dei vari accordi.

Diamo allora un’occhiata a tre ex SPAC che giovedì hanno riportato gli utili dopo la chiusura dei mercati.

Fisker: la società di veicoli elettrici Fisker Inc (NYSE:FSR) ha riportato per la prima volta gli utili dal closing della sua fusione SPAC, avvenuto nel quarto trimestre.

Secondo quanto dichiarato, la società resta sulla buona strada per avviare la produzione del SUV elettrico Fisker Ocean nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2021; il veicolo vanta 12.467 prenotazioni.

Fisker ha affermato che da metà ottobre le prenotazioni giornaliere al dettaglio sono cresciute del 400%; i risultati del sondaggio fra i titolari delle prenotazioni mostrano che il 70% dei clienti sono attualmente conducenti di veicoli a combustione interna e il 50% di essi guida un’auto di segmento non premium.

L’azienda ha evidenziato l’accordo firmato con Foxconn per la produzione di un secondo veicolo nel quarto trimestre del 2023.

Fisker ha concluso il trimestre con una liquidità di 991,2 milioni di dollari e nessun debito.

Virgin Galactic: giovedì, dopo la chiusura dei mercati, la compagnia di viaggi spaziali Virgin Galactic (NYSE:SPCE) ha riportato gli utili del quarto trimestre e dell’intero anno fiscale; la società pre-ricavi ha evidenziato alcuni imminenti eventi di interesse per gli investitori.

Virgin Galactic ha comunicato che il 30 marzo effettuerà il lancio della sua seconda astronave; un volo spaziale tramite razzo è previsto per maggio.

L’azienda ha anche segnalato un imminente volo da compiere in collaborazione con l’Aeronautica Militare Italiana, il quale garantirà ricavi per Virgin Galactic.

Alla data del 31 dicembre, la compagnia spaziale vantava oltre 600 prenotazioni di “futuri astronauti” che voleranno nello spazio insieme alla società.

Velodyne Lidar: l’anno scorso Velodyne Lidar (NASDAQ:VLDR) è diventata la prima società quotata in Borsa specializzata nel segmento lidar.

La società ha registrato un fatturato del quarto trimestre di 17,8 milioni di dollari; la cifra è in calo rispetto ai 19 milioni riportati nello stesso periodo dello scorso anno a causa delle interruzioni alla produzione dovute alla crisi COVID-19 e dell’incapacità di soddisfare determinati ordini dei clienti.

Nel quarto trimestre Velodyne ha inviato la cifra record di 4.237 unità, comprese 718 unità a stato solido.

I ricavi di Velodyne per l’intero anno fiscale sono stati di 95,4 milioni di dollari.

Alla data del 19 febbraio, Velodyne risulta avere in essere 194 progetti derivanti da 26 accordi firmati; l’azienda ha affermato di avere l’opportunità di incassare ricavi per 1 miliardo di dollari nel periodo compreso fra l’anno fiscale 2021 e all’anno fiscale 2025 sulla base degli accordi firmati. Una pipeline di potenziali contratti potrebbe valere fino a 4,4 miliardi di dollari di fatturato.

Attenzione: l’autore ha una posizione long sulle azioni FSR e SPCE.

Foto per gentile concessione di Fisker.