Moderna collabora con IBM per la distribuzione del vaccino Covid

La collaborazione sarà incentrata sull’uso di tecnologie per una gestione più efficace della supply chain e per il monitoraggio in tempo reale dei vaccini

Moderna collabora con IBM per la distribuzione del vaccino Covid
2' di lettura

Moderna Inc. (NASDAQ:MRNA) e International Business Machines Corp. (NYSE:IBM) intendono collaborare all’utilizzo di tecnologie che potrebbero aiutare a garantire una gestione più smart dei vaccini contro il COVID-19, compreso il miglioramento nella gestione della supply chain e il monitoraggio in tempo reale dei vaccini.

Cosa è successo: giovedì le due società hanno affermato che si concentreranno su tecnologie quali l’intelligenza artificiale, la blockchain e il cloud ibrido per contribuire a rafforzare la condivisione delle informazioni fra governi e operatori sanitari al fine di poter rispondere a potenziali interruzioni della catena di approvvigionamento.

Inoltre, IBM metterà a disposizione il suo Digital Health Pass, uno strumento basato su tecnologia blockchain che aiuterà le persone a mantenere il controllo delle proprie informazioni sanitarie personali e le organizzazioni a verificare le credenziali sanitarie di dipendenti, clienti e viaggiatori.

A gennaio una coalizione di compagnie sanitarie e tecnologiche, fra cui Microsoft Corp. (NASDAQ:MSFT), Salesforce.com Inc. (NYSE:CRM) e Oracle Corp. (NASDAQ:ORCL), ha detto di essere al lavoro per sviluppare un passaporto digitale per i vaccini anti-Covid che secondo le aziende prevedono consentirà alle persone di ottenere una copia crittografata delle loro informazioni di vaccinazione e di archiviarla in un portafoglio digitale a loro scelta.

Perché è importante: la notizia della collaborazione IBM-Moderna assume un nuovo significato, dopo che in precedenza è stato riferito che Moderna sarebbe stata obiettivo di hacker legati al governo cinese e, da quanto emerso, sarebbe stato fatto un tentativo di estrarre alcuni dati dalla sua rete informatica.

Inoltre, i ritardi nella produzione dei vaccini da parte delle principali case farmaceutiche hanno provocato interruzioni della supply chain, con gli Stati Uniti che hanno dovuto affrontare una carenza di vaccini.

Movimento dei prezzi: giovedì Moderna ha chiuso in rialzo dello 0,8% a 132,30 dollari, mentre IBM ha chiuso con un -1,8% a 120,11 dollari.

Leggi anche: Pfizer, Moderna, J&J: impegno da 240 milioni di dosi vaccino