Pre-market: futures USA in calo, sale rendimento Treasury

Un’occhiata ai mercati; si attendono gli utili trimestrali di Buckle e Kirkland’s

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Nei primi scambi in pre-market i futures azionari statunitensi sono in territorio negativo poiché i rendimenti dei Treasury sono nuovamente risaliti; nella sessione precedente l’indice Nasdaq è balzato di oltre 300 punti dopo che il presidente USA Biden ha firmato il pacchetto di aiuti da 1.900 miliardi di dollari contro la crisi Covid. Gli investitori sono in attesa dei resoconti degli utili di Buckle Inc (NYSE:BKE) e Kirkland’s, Inc. (NASDAQ:KIRK).

L’indice dei prezzi alla produzione di febbraio negli Stati Uniti verrà pubblicato alle ore 8:30 ET, mentre l’indice di fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan per marzo sarà diffuso alle 10:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno perso 28 punti, attestandosi a 32.451, mentre quelli sull’S&P 500 hanno registrato una diminuzione di 25 punti a quota 3.911,75; i futures sul Nasdaq hanno segnato un ribasso di 246,75 punti, a 12.801,50.

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più elevato di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 29.286.140 contagi e circa 530.820 vittime; intanto l’India ha confermato almeno 11.308.840 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 11.277.710 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono saliti, coi futures sul Brent in aumento dello 0,3% a 69,81 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un rialzo dello 0,2% a 66,12 dollari al barile. Il resoconto Baker Hughes sul conteggio degli impianti nell’area nordamericana per la scorsa settimana sarà pubblicato alle ore 13:00 ET.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei sono in ribasso: l’indice spagnolo Ibex scende dello 0,1%, lo STOXX Europe 600 perde lo 0,5%, l’indice francese CAC 40 osserva un ribasso dello 0,3%, l’indice tedesco DAX 30 fa segnare -0,7% e il FTSE 100 di Londra registra un calo dello 0,3%. A gennaio la produzione industriale dell’Eurozona è cresciuta dello 0,8%, dopo un calo rivisto dello 0,1% a dicembre. A febbraio i prezzi al consumo della Spagna sono rimasti invariati rispetto all’anno precedente, mentre a gennaio le vendite al dettaglio sono diminuite del 9,5% su base annua. A febbraio il tasso annuo di inflazione in Germania è salito all’1,3%. A gennaio le importazioni nel Regno Unito sono crollate del 18,5% a 43 miliardi di sterline e le esportazioni hanno avuto un tonfo del 18,2% a 41,4 miliardi; nel periodo novembre-gennaio il prodotto interno lordo del Regno Unito si è contratto dell’1,7% e nel mese di gennaio la produzione industriale ha avuto una flessione dell’1,5%.

I listini asiatici hanno scambiato per lo più al rialzo: l’indice giapponese Nikkei ha guadagnato l’1,73%, il cinese Shanghai Composite ha fatto segnare +0,47%, l’Hang Seng di Hong Kong ha avuto un tonfo del 2,2% e l’indiano BSE Sensex ha perso l’1%; l’indice australiano S&P/ASX 200 ha osservato un aumento dello 0,8%. Negli ultimi tre mesi del 2020 la produzione manifatturiera a Hong Kong ha registrato una diminuzione del 6% su base annua.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di KeyBanc hanno declassato Team, Inc. (NYSE:TISI) da Overweight a Sector Weight.

Giovedì le azioni della società hanno ceduto il 4% chiudendo a 12 dollari.

Ultime notizie

  • Novavax, Inc. (NASDAQ:NVAX) ha riferito che il suo vaccino contro il COVID-19, NVX-CoV2373, ha dimostrato un’efficacia del 96,4% “contro la malattia in forma lieve, moderata e grave causata dal ceppo originale del COVID-19” negli studi di fase 3.
  • JD.com (NASDAQ:JD) è in trattative per acquistare una partecipazione del valore di 1,5 miliardi di dollari in Sinolink Securities, secondo quanto riporta Reuters.
  • Ulta Beauty Inc (NASDAQ:ULTA) ha riportato utili e risultati di vendita ottimali per il quarto trimestre; la società ha anche affermato che il presidente Dave Kimbell succederà a Mary Dillon nel ruolo di amministratore delegato.
  • Docusign Inc (NASDAQ:DOCU) ha riportato risultati del quarto trimestre migliori del previsto e ha pubblicato solide previsioni di vendita.