Gucci si prepara a lanciare il suo primo NFT

Secondo un report di Vogue Business, anche altri brand nel settore della moda stanno valutando un ingresso nel settore dei token non fungibili

Gucci si prepara a lanciare il suo primo NFT

Negli ultimi mesi i token non fungibili (NFT) hanno avuto un successo travolgente, coinvolgendo musicisti vincitori di Grammy, artisti digitali e persino catene di fast-food.

Cosa è successo: i brand del lusso potrebbero essere i prossimi a seguire la moda degli NFT, secondo quanto riportato di recente da Vogue Business.

Come afferma Vogue, Gucci Grp. Nv (NYSE:GUC) ha recentemente confermato che è “solo una questione di tempo” prima che l’azienda lanci il proprio NFT; l’ambito marchio di lusso non è l’unico a valutare un ingresso in questo comparto, visto che diverse fonti nel settore hanno confermato di essere prossime alla distribuzione dei propri token.

“I marchi di lusso erano indietro riguardo alla tendenza dell’e-commerce, quindi ora c’è maggiore volontà di sperimentare nuove tecnologie come la blockchain”, ha detto Marjorie Hernandez, fondatrice di Lukso Blockchain, una piattaforma blockchain che lavora con i brand di moda.

Perché è importante: per alcuni utenti risulta alquanto difficile immaginare la reale utilità dietro ad alcuni NFT e, nell’ambito del mondo della moda, potrebbe essere ancora più arduo.

Un possibile caso d’uso potrebbe riguardare una funzionalità di guardaroba 3D, così come ha immaginato Neuno, società con sede a Sydney; la startup sta attualmente lavorando con cinque case di moda di lusso al lancio dei loro NFT: “Vogliamo essere il guardaroba 3D universale che si collega a tutto”, ha affermato il CEO Natalie Johnson.

Cathy Hackl del Futures Intelligence Group, d’altra parte, ritiene che in futuro la vendita di abiti e asset virtuali rappresenterà un significativo flusso di entrate per i marchi di moda: “Man mano che ci spostiamo in un web più immersivo, ogni marchio di moda dovrà disporre di una strategia virtuale”, ha affermato Hackl.

Nel frattempo: oggi alcuni analisti hanno osservato che potrebbe essere in corso un “crollo silenzioso” degli NFT, dopo che i dati di NonFungible.com hanno rivelato che in data 25 marzo il valore medio giornaliero dei token è diminuito dell’85%.

La natura illiquida dei mercati di NFT rende difficile prevedere i futuri movimenti di prezzo.