JPMorgan, Jamie Dimon riconosce la ‘minaccia’ del fintech

Jamie Dimon riconosce la minaccia competitiva ‘enorme’ rappresentata dalle società di tecnologia finanziaria per il mondo della finanza tradizionale

JPMorgan, Jamie Dimon riconosce la ‘minaccia’ del fintech
2' di lettura

Nella lettera annuale agli azionisti di JPMorgan Chase & Co (NYSE:JPM), il presidente e CEO Jamie Dimon ha discusso delle minacce competitive rappresentate dal fintech nei confronti della finanza tradizionale.

Cosa è successo: il fintech è una delle “enormi minacce competitive” per le banche, secondo Dimon; l’AD di JPMorgan afferma che le grandi società tecnologiche e il fintech stanno intaccando il dominio degli istituti bancari tradizionali.

Il tutto avviene mentre la pandemia di COVID-19 ha accelerato la digital disruption (rivoluzione digitale) nella finanza; secondo un sondaggio, gli americani generalmente accettano di più il fintech, con le generazioni più giovani, la Generation Z e i Millennials, che possiedono la maggior parte degli account fintech.

Dimon ha spiegato che le società fintech hanno fatto passi da gigante nella creazione di soluzioni bancarie di tipo digitale e fisico: “Dai prestiti ai sistemi di pagamento, fino agli investimenti, hanno svolto un ottimo lavoro nello sviluppo di prodotti facili da usare, intuitivi, veloci e smart”.

Dimon ha osservato che le banche tradizionali conservano ancora significativi punti di forza per quanto riguarda branding, scale e operations.

Tuttavia, “la capacità del Fintech di fondere i social media, utilizzare i dati in modo intelligente e integrarsi rapidamente con altre piattaforme (spesso senza gli svantaggi di essere una vera banca) aiuterà queste aziende a conquistare quote di mercato significative”, ha aggiunto Dimon.

Perché è importante: JPMorgan fa parte di un gruppo più ampio di istituzioni che riconoscono la rivoluzione digitale nella finanza; l’istituto di credito ha persino fondato il proprio ramo di digital banking e innovazione nel tentativo di posizionarsi come destinazione onnicomprensiva per la spesa, il risparmio, gli investimenti e i prestiti digitali.

“Lo scorso anno ha accelerato la digitalizzazione di tutti i settori, compreso quello bancario”, ha dichiarato il mese scorso a Benzinga Allison Beer, chief product officer e responsabile dell’esperienza cliente e del digitale presso JPMorgan; “Stiamo vedendo clienti abituati al digital banking, in un modo che probabilmente sarebbe accaduto ma che avrebbe potuto richiedere maggior tempo. Queste tendenze… continueranno ad accelerare”.

Alla luce di queste tendenze, JPMorgan sta cercando di fornire uno spettro più ampio di soluzioni per consentire alle famiglie di avere un migliore controllo sulle proprie finanze.

“Ci sono alcune cose su cui ci concentriamo: uno, fare in modo che i nostri canali digitali lavorino di più per i nostri clienti, fornendo loro consulenza nel contesto del loro quadro finanziario”, ha osservato Beer in riferimento alla capacità di JPMorgan di prevedere i pagamenti ricorrenti e di spingere i clienti a risparmiare e a investire a sufficienza tramite i canali di consulenza e digitali.

“L’altra cosa è rendere tutto in tempo reale e automatizzato; assicurarsi che ogni singolo problema specifico sia più facile e più chiaro da gestire”.