Spotify, il grafico è musica per le orecchie dei rialzisti?

Il quadro tecnico sul titolo mostra una situazione interessante per gli investitori

Spotify, il grafico è musica per le orecchie dei rialzisti?
2' di lettura

Giovedì Spotify Technology SA (NYSE:SPOT) ha stretto un accordo con Warner Music Group Corporation (NASDAQ:WMG) per l’utilizzo del catalogo di opere d’arte, autori e musica di Warner al fine di creare podcast originali.

La notizia è arrivata al momento perfetto sul grafico del titolo Spotify, contribuendo a confermare la rottura di un pattern rialzista.

Il grafico di Spotify: le azioni SPOT hanno chiuso appena sotto la resistenza a 299,45 dollari; dal 4 marzo al 13 aprile le azioni di Spotify hanno formato un pattern rialzista testa e spalle inverso; un modello testa e spalle inverso può verificarsi al bottom di un titolo in tendenza ribassista ed è considerato un pattern di inversione.

Il 31 marzo il titolo Spotify ha superato la resistenza a quota 266,15 dollari e negli otto giorni di contrattazione successivi ha completato la testa e la spalla destra del modello; questo elemento ha fornito a trader e investitori le informazioni necessarie per tracciare la scollatura inclinata del pattern. Il 13 aprile la media mobile esponenziale a otto giorni (EMA) ha superato l’EMA a 21 giorni – che è rialzista – e il titolo ha compiuto un movimento al rialzo del 5%. Ora SPOT scambia al di sopra di entrambe le EMA comunemente seguite.

Il movimento misurato di un pattern testa e spalle viene calcolato misurando la distanza dalla scollatura alla punta della testa; nel caso di Spotify la distanza è del 13%, dunque i trader tecnici possono misurare il 13% in direzione opposta a quella della testa per prevedere il movimento misurato. Il movimento misurato indica il livello verso cui un titolo potrebbe muoversi qualora completi il pattern; nel caso di Spotify, il prezzo delle azioni potrebbe raggiungere i 325,73 dollari, un dato che si allinea perfettamente con il livello successivo di resistenza generale sul grafico.

I tori vogliono vedere il modello completato, il che produrrebbe un rendimento dell’8,5% dal prezzo di chiusura di giovedì e per Spotify il superamento di quota 300 dollari venerdì. Al completamento del pattern, il titolo Spotify potrebbe consolidarsi sotto la resistenza successiva prima di superarla; se il titolo riuscisse a superare la resistenza dei 325,73 dollari potrebbe dirigersi verso area 342 dollari, dove c’è sia un’altra area di resistenza che un gap.

Gli orsi sperano invece nello stallo del movimento misurato e che SPOT ricada sulla scollatura; se il titolo scendesse sotto la scollatura, potrebbe ritrovarsi nella prossima area di supporto a quota 266,15 dollari.